01 giu 2011

Fallita la truffa contro la "sovranità popolare"

Grande soddisfazione per la decisione della Cassazione di ammettere il referendum sul nucleare nonostante il tentativo truffaldino del Governo di intervenire con un decreto per impedirne lo svolgimento.La perversa strategia della maggioranza resa nota con particolare evidenza dallo stesso Berlusconi  di svuotare il quesito referendario per tentarne l'annullamento e riproporre la questione fra qualche tempo non ha trovato risposta.Però attenzione il vero problema del premier non è certo il quesito sul nucleare o sull'acqua pubblica.La sua vera preoccupazione(come ho detto spesso) è il refrendum sul legittimo impedimento che lo metterebbe,con il no al voto,al sicuro dai procedimenti giudiziari che lo riguardano e quello sul nucleare potrebbe costituire un forte richiamo di partecipazione tale da far raggiungere il previsto quorum dei partecipanti pari al 50% + 1 degli aventi diritto al voto. Quindi ferma restando la validità degli altri 3 referendum, quello su cui Berlusconi si gioca il proprio futuro è il quarto che lo coinvolge direttamente.Adesso si tratta di andare tutti a votare per raggiungere il famoso quorum del cinquanta più uno, altra assurdità della legge italiana, in quanto è una soglia quasi proibitiva,( si vedano i fallimenti negli ultime 15 anni!).Tocca al popolo dimostrare la propria maturità.Quindi propongo che la "società civile" (sempre che ne esista ancora un piccolo barlume) si metta nei prossimi giorni al servizio dei cittadini meno abbienti, meno acculturati e comunque emarginati da tutti i giochi che passano nottetempo sulle loro teste.Se ogni cittadino convincesse almeno un suo simile,il quorum sarebbe raggiunto senz'altro.Cerchiamo di ottenere ogni forma di materiale divulgativo presente ul territorio e sacrifichiamo qualche ora della nostra vita...
Distribuiamo a trecentosessanta gradi un verbo legato a principi sacrosanti quali sono quelli dell'esprimersi sul serio.Questa volta il voto è una cosa seria: questo voto vanificherà nel contempo il potere di Palazzo Chigi e di tutti quei buoni a nulla che continuano a ritenersi unti dal "signore" o scelti dal popolo.. Leggevo che in Svizzera,ma credo ovunque,decide chi va a votare,fosse anche una minoranza degli aventi diritto,da noi invece vince il partito di chi va al mare,il che ,oltre ad essere una presa per i fondelli per chi si reca alle urne,è uno sperpero inutile di denaro .Intanto la Germania ha deciso di chiudere le sue centrali entro pochi anni.Che ne pensano i nostri "illuminati" governanti?

Intanto sull'onda elettorale abbiamo abbadonato l'informazione dal Giappone ,le ultime notizie dicono che continua la fuoriuscita di radiazioni che continueranno per alcuni mesi o anni fino alla completa copertura dei reattori con sarcofaghi.Continua la contaminazione dell'acqua che impedisce l'accesso ai reattori. Continua lo scarico in mare di acqua radiattiva (precisato non altamente radiattiva....). Hanno oggi dichiarato che occorrono ben 150 miliardi per mettere in sicurezza la zona. Il costo supera di gran lunga l'investimento per la costruzione delle centrali.Restano sempre le scorie eterne da seppellire in qualche posto della terra.Come si vede i costi e i rischi superano i vantaggi. Molti Paesi hanno capito e abbandonano per sempre il nucleare. In Italia siamo stati fortunati ad averlo intuito per primi gia alcuni anni fa (poi dicono che siamo senza cervello...).
Intanto una'ltra notizia mi ha sconvolto,la proposta di legge del PDL che vuole equiparare i Repubblichini ai partigiani chiedendo che le associazioni di ex repubblichini dotrebbero ricevere contributi statali come l'Anpi(leggi link)proprio l'Anpi che in questi anni si è vista tagliara gran parte dei contributi..l'avevo scritto nel post del 27 ottobre(leggi)
Qesti fascisti al governi hanno sempre quest’ossessione del “riscrivere la Storia”,con i “vinti” che da persecutori e nazi-fascisti diventerebbero vittime “inconsapevoli” ed “onorevoli”!!Ma basta con questi ignobili parallellismi inutili e forieri di giustificazionismi anti-costituzionali.Sulla lotta di Liberazione, la Resistenza e l'Antifascismo si e´ costruita e consolidata la nostra Repubblica e la nostra democrazia. Liberta´, giustizia, uguaglianza sono i valori che costituiscono la basi del nostro patto costituzionale. Frutto diretto di quella ispirazione e del sacrificio di chi ha animato la Resistenza e la lotta antifascista.E´ un preciso dovere civile e morale riaffermare ogni giorno quei valori e la loro origine. Contro ogni revisionismo e falsa pacificazione. All'Anpi, che interpreta ed incarna questo dovere, vanno garantiti il sostegno e la riconoscenza degli italiani.A partire proprio dalle generazioni piu´ giovani. Liberta´ e diritti democratici vanno difesi oggi e per il futuro. In un impegno costante e fermo perche´ non sono dati una volta per sempre... Io stò con l'Anpi!!!!

Nessun commento: