19 ago 2014

Alex Del Piero

Guardate che non era mai capitato a nessuno:al culmine della carriera,con la coppa del mondo in mano,presentarsi a Rimini(con tutto il rispetto per la squadra e la città)per cominciare il campionato di serie B .E' fantastico a suo modo ed è successo a me il Times è venuto a intervistarmi per questo..Ma è fantastico sapere che non mi sveglierò mai da questo sogno perchè è vero è tutto vero,sono campione del mondo gioco in serie B con la mia squadra del cuore,con il mio numero 10 sulla schiena...e sono felice!!!(da Alex Del piero 10+, 2006)

01 nov 2012

Totò: 'A livella

Ogn'anno,il due novembre,c'é l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.
Ogn'anno,puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.
St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo,e che paura!,
ma po' facette un'anema e curaggio.
'O fatto è chisto,statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io,tomo tomo,stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.
"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del'31"
'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.
Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe' segno,sulamente 'na crucella.
E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola,che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!
Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?
Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura...nnanze 'e cannelotte.
Tutto a 'nu tratto,che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano
Stongo scetato...dormo,o è fantasia?
Ate che fantasia;era 'o Marchese:
c'o' tubbo,'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'nascopa mmano.
E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?
Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:"Giovanotto!
Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!
La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!
Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente"
"Signor Marchese,nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?
Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo,obbj'...'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".
"E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"
"Famme vedé..-piglia sta violenza...
'A verità,Marché,mme so' scucciato
'e te senti;e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...
Ma chi te cride d'essere...nu ddio?
Ccà dinto,'o vvuo capi,ca simmo eguale?...
...Muorto si'tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato é tale e quale".
"Lurido porco!...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".
"Tu qua' Natale...Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo...'int'a cervella
che staje malato ancora e' fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?...è una livella.
'Nu rre,'nu maggistrato,'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto,'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?
Perciò,stamme a ssenti...nun fa''o restivo,
suppuorteme vicino-che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie...appartenimmo à morte!"
 

30 ott 2012

Elezioni in Sicilia:cittadini disperati e schifati dalla politica non vanno a votare

Dopo tanto tempo torno a scrivere nel blog(negli ultimi mesi l'ho trascurato troppo) ..L'occasione sono le elezioni in Sicilia,visto che in questi giorni ho sentito tanti commenti a riguardo.Io dico che le elezioni in Sicilia ci dicono chi ha perso,chi ha non ha vinto e come potrà esser governata o non governata quella regione.Chi ha perso:il PDL ma,per citare Marquez,era “cronaca di una morte annunciata” e gli annunci erano:il fallimento del Governo Berlusconi.Gli scandali di ogni genere del suo leader e in ultimo la sua condanna.la corruzione dilagante che ha fatto cadere le sue regioni regine,Lazio e Lombardia;(perfino il Molise deve ritornare al voto,perché il PDL aveva presentato liste irregolari)il declino galoppante del padre-padrone del partito.In questa situazione di coma profondo,il presentarsi divisi PDL e lista personale del paggio ingrato Miccichè ha dato il colpo di grazia.Chi ha vinto:Mah…vinto è parola troppo grande:Il candidato Crocetta del PD, appoggiato dall’UDC,ha avuto più voti,quindi il governatore è lui.E c’è di buono che non è amico dei mafiosi.Ma con una % del 30 o poco più non ha i numeri per far una giunta se non chiede aiuti.(e allora ecco che la Mafia, uscita dalla porta,può rientrare dalla finestra)Del resto non c’era da aspettarsi molto dal centro sinistra, la Sicilia non è mai stata una sua Regione.Da sempre feudo Dc, quando questo partito è finito,si è gettata nelle braccia ospitali e generose di Berlusconi in una sorta di mutuo soccorso(voti politici contro aiuti economici e occhi chiusi sugli sprechi milionari che portavano costantemente alla bancarotta tante città…poi una telefonatina a Roma e il debito veniva ripianato, a spese dello Stato/nostre).
Ha vinto invece il M5stelle, perché è il partito più votato e il suo candidato ha preso il 18%.Niente male.Si è discusso molto del M5stelle,se fosse politica,antipolitica ecc.Secondo me non è antipolitica,ma capacità di riempire il vuoto lasciato da certa vecchia politica ormai così stantia da esser andata a male,e questo vuoto il furbo Grillo (perché a mio avviso lui appartiene alla categoria dei furboni italici) l’ha riempito a dovere con vari ingredienti:un po’ di populismo,che non guasta mai,specie in momenti di grande scontento come quelli che viviamo,un po’ di buone e semplici idee,il contatto con la gente a cui ha fatto capire che il suo movimento finalmente li ascoltava e ne recepiva i bisogni (un po’ come la Lega prima maniera….cioè prima di sedersi a Roma e diventar ladrona come gli altri)Ora resta da vedere se il movimento saprà concretizzare i suoi propositi,perché è infinitamente più facile protestare che proporre, sputare sul marcio che c’è,che saper scegliere gli strumenti giusti per ripulirlo.Grillo e il M5stelle hanno avuto dagli elettori un mandato,che non è solo di portare in alto,nei luoghi del potere e del governo,le loro proteste,ma di metter in pratica le proposte,facendo però i conti con tutti i limiti e i legami economico-finanziari-legislativi che chi governa ha davanti a sé ogni giorno.Infine,un dato da sottolineare è di certo l’assenteismo, oltre il 50%.Chi sono quelli che non hanno votato?I delusi,gli schifati dalla politica di ogni colore(anzi, quelli che non le riconoscono più neppure un colore)e sono sempre di più,in ogni parte d’Italia.Molti delusi dal PDL ..

Ci metterei anche un certo numero di cittadini che la mafia non si è data da fare a convincere,perché appunto,quel certo partito non valeva più la pena…perché la Mafia non si spende per i perdenti e quello di cui ha bisogno è un partito forte che governi a Roma.Perché i suoi affari vengono pensati e organizzati nell’isola,ma i proventi vanno poi mandati a lavare e profumare di pulito in continente,e per questo ha bisogno di un Governo non troppo nemico,che non sia intransigente nei vincoli bancari e finanziari,che non sia troppo severo nei controlli delle forze dell’ordine,che delegittimi la Magistratura ecc.Essendo evidente che questo partito non governerà più l’Italia per un bel pezzo,la Mafia non ci perde più tempo ed energie.In ogni caso l’indicazione che ci viene dalla Sicilia e che potrebbe riguardare le prossime elezioni politiche è che  data per scontata la dissoluzione del PDL,la confusione mentale della Lega nessun partito avrà una maggioranza tale da poter agevolmente governare,neppure con un alleato.Sempre più  da non andare a votare,considerando che qualunque fosse la loro scelta, sarebbe la solita storia.Ed è questo che dovrebbe allarmare le forse politiche (parlo di quelle con una storia e degli ideali, non quelle nate per le esigenze del Padrone).Quando non si fa più presa sulla gente,quando non si è così lontani da non stimolare più alcuna emozione,ma solo rassegnazione,allora si rischia,perché dopo la rassegnazione che è passiva,può scattare la repulsione e la rivolta, meno passive.Spero che qualcuno se ne renda conto alla svelta, ma penso che i nostri politici abbiano reazioni alquanto tardive, quando le hanno.

04 ott 2012

Vanessa Baldazzi "LIBERTA' SCELTA DI VITA"

Chi mi conosce da tempo sa benissimo la mia passione per la poesia, in questi anni sia nel mio blog che su profilo facebook ho pubblicato tantissime poesie di poeti famosi, e poeti emergenti tra questi le opere di Vanessa Baldazzi  che oltre a essere una bravissima poetessa(nonostante non lo vuole ammettere) è anche una carissima amica..E quindi è un grande piacere per me annunciare il suo primo libro  "LIBERTA' SCELTA DI VITA" una raccolta di pensieri e poesie dove Vanessa ci regala i suoi versi più intimi e veri,una silloge che esprime non soltanto tutto il valore artistico della sua poesia,ma la sua umanità e la sua stessa essenza di donna... E’ un dono offerto con l’immediatezza, la sincerità ed il sentimento che già conosciamo in Vanessa,ed è soprattutto una testimonianza d’amore che commuove e ci fa riflettere.Invito tutti a promuovere questa opera non per l'amicizia che mi lega a Vanessa ma per il valore dell'opera stessa.
PER ACQUISTARE
 Il prezzo è di 12 €. Per acquistarlo,dalla prossima settima può essere ordinato in qualsiasi libreria.nel frattempo si può ordinare direttamente alla casa editrice telefonando al numero 0645468600 oppure per mail (info@pagine.net), il codice ISBN: 978-88-97319-41-2


Libertà, scelta di vita
Ossigeno sulla pelle,
aria leggera sul cuore,
credere nei propri sogni e negli ideali,
l’amore senza pensieri,
una corsa sul prato..
Questa è la libertà. Che non ti rende mai solo..
Libertà non è fuggire dalle responsabilità,
ma decidere della propria vita
e rimanere sempre se stessi.
Qualcuno l’ha trovata tardi,
altri sono nati liberi,
pochi sanno amare senza tradirla..
Ti fa andare avanti oltre i confini,
volare sopra i pregiudizi degli altri..
Toccare l’infinito con un dito..
Libertà è in una parola, è in un sogno,
è una scelta di vita.
V.B.

18 lug 2012

Tiziano Terzani "Il giornalismo"

Ho fatto questo mio mestiere proprio come una missione religiosa, se vuoi, non cedendo a trappole facili. La più facile, te ne volevo parlare da tempo, è il Potere. Perché il potere corrompe, il potere ti fagocita, il potere ti tira dentro di sé! Capisci? Se ti metti accanto a un candidato alla presidenza in una campagna elettorale, se vai a cena con lui e parli con lui diventi un suo scagnozzo, no? Un suo operatore. Non mi è mai piaciuto. Il mio istinto è sempre stato di starne lontano. Proprio starne lontano, mentre oggi vedo tanti giovani che godono, che fioriscono all'idea di essere vicini al Potere, di dare del "tu" al Potere, di andarci a letto col Potere, di andarci a cena col Potere, per trarne lustro, gloria, informazioni magari. Io questo non lo ho mai fatto. Lo puoi chiamare anche una forma di moralità. Ho sempre avuto questo senso di orgoglio che io al potere gli stavo di faccia, lo guardavo, e lo mandavo a fanculo. Aprivo la porta, ci mettevo il piede, entravo dentro, ma quando ero nella sua stanza, invece di compiacerlo controllavo che cosa non andava, facevo le domande. Questo è il giornalismo. 

12 lug 2012

Estate(Hermann Hesse)


Improvvisamente fu piena estate.
I campi verdi di grano, cresciuti e 
riempiti nelle lunghe settimane di piogge,
cominciavano a imbiancarsi,
in ogni campo il papavero lampeggiava
col suo rosso smagliante.La bianca e polverosa strada maestra era arroventata,
dai boschi diventati più scuri risuonava più spossato,
più greve e penetrante il richiamo del cuculo,
nei prati delle alture, sui loro flessibili steli,
si cullavano le margherite e le lupinelle,
la sabbia e le scabbiose, già tutte in pieno rigoglio
e nel febbrile, folle anelito della dissipazione
dell'approssimarsi della morte
perché a sera si sentiva qua e là nei villaggi il chiaro,
inesorabile avvertimento delle falci in azione. 

30 giu 2012

30 GIUGNO 2012 (Alex Del Piero)

Finisce qui, il mio contratto con la Juventus scade oggi.Non è una notizia, ma sapere che è “ufficiale” fa comunque effetto. Per me non è un momento triste, non c’è rimpianto né nostalgia. Non più. Perché in questi giorni ho avuto modo di ripensare a tutto quello che è successo nella mia ultima stagione in bianconero, poi di lì tornare indietro, e rivivere il più bel sogno che avrei potuto sognare.Tutti i ricordi, tutte le gioie, tutti i trionfi e – per dirla tutta – anche qualche recente amarezza… oggi tutte queste immagini mi passano davanti e a un certo punto si appannano e si dissolvono in quell’abbraccio meraviglioso della mia ultima partita a Torino. Quella è la fotografia che racchiude tutto, l’istantanea che voglio portare sempre con me, quella che dal 13 maggio mi si è stampata nel cuore. Incancellabile.Qualche tempo fa, prima di partire per le vacanze, ho svuotato il mio armadietto a Vinovo e, uscendo dal campo d’allenamento, mi sono fermato là dove per molti mesi mi avete aspettato voi per un una foto, un autografo, un saluto… sotto la neve, il gelo, la pioggia, il sole che picchia. Ma questa volta sono io a salutarvi e a ringraziarvi, come voi avete fatto con me.I giocatori passano, la Juventus rimane
 Rimangono i miei compagni, ai quali auguro il meglio: tiferò sempre per loro. Rimanete soprattutto voi tifosi, che siete la Juventus. Rimane quella maglia che ho amato e amerò sempre, che ho desiderato e rispettato, senza alcuna deroga, senza sconti. Sono felice che altri dopo di me possano indossarla, anche e soprattutto la “10” che da quando esistono i nomi sulle maglie bianconere, ha sempre portato il mio. Sono felice per chi la indosserà l’anno prossimo, sono felice che da qualche parte – in Italia e nel mondo – qualcuno sta sognando di indossarla. E sarei orgoglioso che volesse ripercorrere la mia storia, come io ho fatto con altri campioni, altri esempi, altre leggende.Da domani non sarò più un giocatore della Juventus, ma rimarrò per sempre uno di voi.Adesso comincia un’altra avventura. E io sono carico come 19 estati fa.
Arrivederci, ragazzi. Grazie di tutto.
Alessandro  (sito ufficiale ALEX DEL PIERO)

27 giu 2012

Figli dell'orizzonte (Erri De Luca)

Non fu il mare a raccoglierci, noi raccogliemmo il mare a braccia aperte.
Il mare non è un fiume che sa il viaggio, è acqua selvatica.
Siamo gli innumerevoli - raddoppia ogni casella di scacchiera -
lastrichiamo di corpi il vostro mare per camminarci sopra;
non potete contarci: se contati aumentiamo,
figli dell'orizzonte che ci rovescia a sacco.
Nessuna polizia può farci prepotenza più di quanto già siamo stati offesi.
Faremo i servi,
i figli che non fate,
le nostre vite
saranno i vostri libri di avventura.
Portiamo Omero e Dante, il cieco e il pellegrino, l'odore che perdeste, l'uguaglianza
che avete sottomesso.
Da qualunque distanza arriveremo
a milioni di passi,
noi siamo i piedi e vi reggiamo il peso.
Spaliamo neve, pettiniamo prati, battiamo polvere, raccogliamo il pomodoro
e l'insulto.
Noi siamo i piedi e conosciamo il suolo passo a passo,
noi siamo il rosso e il nero della terra,
un oltremare di sandali sfondati, il polline e la sabbia nel vento di stasera.
Uno di noi, e per noi tutti, ha detto:
Non vi sbarazzerete di me!
Va bene, muoio, però il terzo giorno
resuscito
e ritorno. 


Riscende in campo....

Lo sappiamo tutti che il potere nel nostro paese è marcio ma ogni volta che ci viene ricordato verrebbe voglia di approntare nelle piazze la ghigliottina e giocare a calci con le loro teste.Ci ubriacano di cazzate da mattina a sera per tenere ferma una popolazione che non ce la fa più e che potrebbe esplodere da un momento all'altro.Per tenerci buoni ci strangolano privandoci persino dell'aria che respiriamo,consapevoli che una popolazione sfiaccata non trova la forza per organizzarsi e fare quella carneficina che sarebbe sacrosanto fare. Ci ubriacano incolpando altri potenti al di sopra di loro e colpevoli delle crisi che si stanno abbettendo sulla testa di intere nazioni.Certo che esistono altri poteri forti che ora si stanno mettendo sotto i piedi anche loro,ma chi ha permesso tutto questo se non la loro scellerata, maledetta disonestà?Al disastro provocato da loro si aggiunge il terremoto di coloro ai quali hanno ceduto lo scettro del comando.Questi mostri hanno aperto le porte dell'inferno e ora vorrebbero stupirsi di subirne le conseguenze e di rischiare anch'essi di essere travolti dalle fiamme?.E se poi leggo che  Berlusconi si proprio lui si auto candida a salvare l'Italia..hihihihi ma siamo mica scemi...lui che ci ha portato nella mer...
Il nano di Arcore ha sempre avuto questa duplice caratteristica: attirare consenso ma non saper assolutamente governare.Il fatto che sia stato a capo di questa ingenua?credulona? nazione per quasi vent’anni è dovuto soprattutto a due cose: 1) i suoi media che hanno fatto il lavaggio del cervello a migliaia di italiani inclini a credere a qualunque “fregnaccia”, se detta bene; 2) la sua grande capacità di cavalcare l’onda,sia stata essa l’anticomunismo latente in tanti italiani,dopo secoli di clericalismo e tanti anni di governi democristiani,sia l’insofferenza per tutte le regole, anch’essa tipica dell’italiano medio, per cui se c’è una legge, solo i fessi la rispettano e se c’è un modo di fregare il prossimo o lo Stato, è più che lecito, da veri furbi, sfruttarlo (ricordate quando disse: è lecito evadere le tasse, quando se ne ha possibilità?) Una volta eletto, se n’è fregato alla grande dei suoi elettori e degli italiani tutti, (tranne quella cerchia di affaristi-corruttori-sfruttato ri-sfruttatrici cui è legato da una società di “mutuo soccorso”) e ha fatto gli affari suoi, di cui ha goduto e godrà per gli anni a venire. (Anche oggi una parte consistente della sua assoluzione dall’accusa di frode sui diritti tv è perché i reati sono prescritti; per non parlare del falso in bilancio, abolito proprio!). Ora, del tutto fuorigioco a causa della sua totale incapacità a governare, e del fatto che non ha un partito alle spalle, ma solo nelle sue tasche, cosa di cui ormai si sono accorti anche i più addormentati dei suoi sudditi, cerca un altro “cavallone” su cui salire, quello della virtuosa lira uccisa dal perfido euro, e vorrebbe ergersi a salvatore della patria colui che ucciderà  il drago tedesco, ma non ci crede più nessuno e le sue promesse o minacce non fanno che rafforzare gli altri partiti e movimenti. (Grillo dovrebbe farlo presidente ad honorem del suo movimento!). Quando si dimise, io misi subito in guardia coloro che festeggiavano (andate a leggere i miei pezzi in quei giorni)pensando che il berlusconismo fosse finito e con esso si dovesse metter da parte anche l’antiberlusconismo, su cui anche la sinistra aveva marciato, trascurando così di metter a punto una sua precisa linea politica. A quasi un anno da allora, però, devo constatare che Berlusconi ancora tenta di ritornare alla ribalta, più farneticante e confuso (mentalmente) di prima, come un pugile suonato che continua a dare colpi penosamente a vuoto, dopo che il gong è scoccato e l’incontro è finito con la sua sconfitta definitiva, e intorno al ring non c’è più nessuno.  
Iddu, continua a pensare soltanto a Iddu(Rita Pani)
“Iddu pensa solo a Iddu” dissero, chiacchierando tra loro due boss mafiosi.Era il 2002, quindi la storia ha scritto ancora un decennio di sé e noi la conosciamo, anche se colpevolmente, quella che ci appassiona di più, forse perché più leggera e di facile comprensione, è quella che narra di mignotte e vecchi debosciati, di Betty e delle maschere di Obama, di abitini succinti da suore zoccole, che tolto il crocefisso dalle pareti, per via dei comunisti, lo hanno messo in mezzo alle tette e lo baciano, proprio come baciano la statua di Priapo.“Potrei fare il ministro in un governo Al Fano” dice ora Iddu, pensando sempre a Iddu.E certo che potrebbe, e anche senza condizionale. Un atto di umiltà, scrivono oggi i suoi servi, un modo per essere a servizio del Paese. Mi piace immaginarli battere tanta idiozia un dito alla volta sulla tastiera, e con una sola mano, mentre con l’altra si asciugano dal viso le copiose lacrime, e tutto intorno un frastuono di risate.Può. Salvarsi ancora dalla galera, restare inchiodato dentro un Parlamento con la sbandierata mira di assurgere al Quirinale. Maneggiare ancora danaro pubblico, spartirlo con gli amici e gli amici degli amici. Consolidare la prassi di delegittimazione delle istituzioni. Ratificare la legge del più forte, che non solo può, ma tutto può.Può, perché nessun cittadino oserebbe mai proibire che questo avvenga né con mezzi legittimi, né tanto meno con quelli illegittimi.
Può, perché egli stesso della politica ha fatto burletta, facendo sì che nascessero e si moltiplicassero i movimenti antipolitici - sempre più vicini a governare politicamente la nazione - i coscienziosi dell’ultima ora, e i sempre più raziocinanti astensionisti dell’ultimo giorno.Ministro della Giustizia? Istruzione? Lavori Pubblici? Pari Opportunità? Economia? Sanità? Welfare? Interni? Esteri? Cul Tura? Quello che si inventerà su misura, magari scritto per lui dall’ultimo degli autori del Bagaglino, rimasto in piedi dopo il massacro dell’Auditel?Non importa quale sia, basta fermarsi un attimo ed immaginarlo in uno di questi ruoli, incastonato nel contesto storico che stiamo vivendo, fatto di fame e di carestia, non solo economica, ma sociale e culturale. Uno spettacolo, non solo per noi, ormai persi e disillusi, ma soprattutto per quel mondo che aveva smesso di guardarci con gli occhi storti, e che meglio di noi, oggi esulta per la speranza di averlo ancora sotto i riflettori, per potersi almeno distrarre da tutte le angherie che ci opprimono.Poi un giorno, finalmente, al Quirinale … senza condizionale.

13 giu 2012

Canto per la morte di Enrico Berlinguer "Antonio Piromalli "

Altri morirà all’Hilton o al Raphael,
nel letto di un’attrice o in casa di un banchiere,
altri sul yacht o sull’elicottero di un petroliere,
altri in ginocchio ai piedi di un finanziere;
il capo del partito operaio
muore lottando come un San Michele
contro i draghi imbevuti di tossico e fiele:
muore Enrico chiamando all’unità i compagni,
tra le mani dei compagni,
tra le rosse bandiere. Compagni,
non abbassate le bandiere,
il Partito non muore, Enrico vive
tra le nostre mille schiere!
Muore l’uomo giusto,
il rigore della coscienza è quello
della classe dei lavoratori,
piange a Padova con tutto il popolo Bepi Tola,
piangono i resistenti di Concetto Marchesi,
i partigiani di Egidio Meneghetti
quando si annunzia con emozione
«L’onorevole Berlinguer è mancato di vivere!». 
Asciutta terra scabra alimenta tenacia,
generazioni del Sulcis, della Gallura, della Nurra,
del Campidano, della Barbagia, minatori, pescatori,
pastori
distillano adusto rigore, tenerezze
di solitudini, fra acque e nuraghi giochi,
libertà, lotte per la giustizia:
asciutta terra scabra distilla te, Enrico! 
Un uomo – la Resistenza, il Dovere, la Pace –
ha vegliato con Ingrao, con Pecchioli,
un Uomo al grido «Enrico ci manca» risponde:
«Ci manca Enrico ma non il suo esempio.»
«Lo porto via con me, come un amico fraterno,
come un compagno di lotta!»
(ringhiano come i cani
reggicode, P2, guerrafondai:
sanno che non prevarranno mai). 
Il Presidente accompagna Enrico a Tessera,
la folla piange, getta fiori, applaude,
il Presidente piange con l’Italia vera.
Il sole che tramonta sull’Appia
arrossa le immagini sorridenti di Enrico,
fiocchi di papaveri cadono sul compagno di lotta.
Il Comitato Centrale accoglie Enrico.
Immobile, in lacrime, un carabiniere saluta,
mille voci chiamano l’uomo del popolo,
il costruttore di un mondo senza guerra:
compagni, in alto le bandiere,
Enrico è sempre in testa alle nostre mille schiere!
Davanti alle Botteghe Oscure una selva di braccia
saluta col pugno chiuso e canta «bandiera rossa»;
singhiozza Fumagalli, impietriti la Jotti, Vetere,
Natta, Barca
quando Enrico passa davanti al Campidoglio;
per primo entra nella Direzione il Presidente;
saluta in Enrico il Partito il Comitato Centrale,
il Partito di Gramsci, Togliatti, Longo,
della Resistenza internazionale.
Un garofano rosso per deporre,
a te, sono venuto, al cuore sardo,
al tuo sorriso mite, a te implacabile
continuatore del rinnovamento,
a te spartano nuovo socialista
rispettoso di ogni libertà
per la presente e futura umanità.
Davanti al picchetto d’onore
passano Cossiga, Scalfaro che manda un bacio,
Zaccagnini, De Martino, Capucci, Moravia,
il generale Bisognero, il popolo d’Italia
delle officine, dei campi, della scuola, una nazione:
nella storia d’Italia è questa
la più grande manifestazione. 
Tredici giugno, chi mai ti dimenticherà?
Anche chi vide la guerra, la pace,
non vide sì grande popolo commosso:
«Vivrai sempre», «non ti dimenticheremo»,
«Enrico sei morto insieme a noi» gridano
quando Enrico esce per sempre dalle
Botteghe Oscure
per entrare nella storia delle epoche future.
Altre mille bandiere rosse, corone rosse,
l’epos aleggia sul Campidoglio
con la marcia funebre di Chopin, il pianto
di mille e mille serrati intorno a una bara chiara,
consigli di fabbrica, sezioni, federazioni,
comuni levano gli stendardi, ringraziano
in nome di milioni di cuori,
dei lottatori, dei lottati,
con Enrico si legano al futuro!
L’emozione che circonfonde è sentimento d’amore
per chi ha lottato sulle piazze e in Parlamento,
anche muro contro muro, lealtà contro truffa e muffa,
lavoratori contro ingannatori e falsari
domestici e internazionali. Bandiere al vento
con Enrico verso cieli sereni e chiari.
Sui fiori avanza lentamente il corteo,
dall’alto, dai lati uomini, donne gettano fiori.
Sottile velo di lacrime rende tremula ogni immagine
con autocritico pensiero sorrido alle tue parole,
ti abbraccio nel Partito, la tua stretta di mano
del ventiquattro febbraio mi riporta sereno
a contemplare il popolo comunista nella protesta
contro Craxi-Carniti, burattinai e burattini
[carichi di veleno.
Siamo ancora sulla strada di quel tristo governo
e accompagniamo te, «virtù del comunismo
d’Europa»:
tutti i popoli d’Italia, tutte le lingue, tutti i lavori
sono con te a San Giovanni perché l’Italia non sci-
voli indietro;
questo dice ancora il tuo tenero, dolcissimo volto.
Il tuo pensiero nutre l’immenso popolo e i delegati
europei, asiatici, africani, americani:
Marchais, Carrillo, Zhao, Iglesias, Marcovich,
[Jotov, Manescu,
Van Geyt, Ventura, Sindermann, Mende, Arafat,
Zagladin!
Gorbaciov guarda con meraviglia
Yutta l’Italia presente,
parla di te, Enrico, comunista combattente. 
La folla applaude con un boato il Presidente.
Nilde Iotti solenne ricorda tutti i presenti,
il sentimento nazionale e popolare accoglie
Craxi con un fischio potente.
Incarnavi, Enrico, dicono altri,
la virtù del nostro tempo,
la coscienza democratica e la coscienza di classe,
col tuo sguardo un po’ triste il ricatto epico
delle masse.
Con voce ferma Pajetta ricorda:
«Caro compagno Berlinguer, ti ringraziamo
per tutto quello che hai fatto,
parlasti sempre lo stesso linguaggio a Pechino
a Mosca, Roma e Strasburgo;
sappiamo come vuoi essere ricordato, a Padova
con un ultimo sforzo lo hai gridato».
Il Presidente accarezza la bara
come ultimo commiato. 
Ora Gorbaciov guarda stupefatto le sale del Vaticano
e gli incombe sulla testa il libero mercato
di Marcinkus e Calvi;
ora il besame-mucho nostrano
cancella l’internazionalismo
e tiene il capitalismo per la mano.   



11 giu 2012

E ora imparate!! (11 Giugno 1944)

“E ora imparate”
Ma cosa abbiamo imparato davvero? 
Una scritta che suona come un monito e che andrà oltre il tempo se solo saremo in grado di interpretarla e di applicarla. 
Il cippo di Poggio alla Malva non è soltanto nuda pietra, ma ha una voce che racconta fatti di una notte di diversi anni fa. La notte tra il 10 e l’11 giugno quando la Squadra di Azione Partigiana (SAP), comandata da Bogardo Buricchi organizzò il sabotaggio agli otto vagoni carichi di esplosivo presso la stazione di Carmignano e diretti probabilmente verso Pisa o Livorno, oppure verso Prato per la distruzione dei macchinari delle industrie tessili.L’esplosivo proveniva dalla fabbrica “Nobel” o “Nobile” come veniva chiamata, in cui la produzione di dinamite era stata riconvertita a scopi bellici dai Tedeschi che tentavano di fermare l’avanzata degli Alleati nel paese, usufruendo della posizione strategica della fabbrica, che si trovava alla confluenza tra Arno e Ombrone e protetta da una vegetazione impenetrabile, che funzionava da scudo contro qualsiasi attacco aereo. Nonostante la SAP avesse già organizzato altri sabotaggi e per quanto alcuni dei partigiani avessero lavorato tra l’altro alla Nobel, qualcosa quella notte andò storto. 
L’11 giugno 1944 non è stata solo una testimonianza di Resistenza a Carmignano. Dovrebbe essere prima di tutto un insegnamento di vita.
Se ci pensiamo bene però non è mai stata posta la parola “fine” a quella guerra, perché chi bistratta la Resistenza o nega l’esistenza dei campi di concentramento, luoghi tangibili che parlano da soli senza bisogno del racconto dei pochi sopravvissuti, non solo nega la verità storica, ma offende la memoria di tutte quelle donne e di tutti quegli uomini, di cui non si parla- purtroppo-nei libri di storia, ma che hanno sacrificato la loro vita per un ideale su cui oggi viene fatta molta ironia.La libertà ai tempi del Fascismo e del Nazismo era un bene più prezioso del pane e dell’acqua e a più di sessanta anni di distanza cosa ci permettiamo di fare noi? Ci permettiamo ad esempio di limitare la libertà di espressione creando sistemi di informazione a senso unico, dimenticandoci che sessanta anni fa chi voleva parlare e dissentire, doveva farlo clandestinamente.
E ci permettiamo di disonorare il diritto di voto, che ai tempi non era né libero, né segreto, perché la linea da seguire era una sola ed era stata preclusa ogni possibilità di scelta Facendo così prendiamo a calci la Costituzione, riducendola a carta straccia e ci prendiamo gioco di un patrimonio che ci è stato consegnato da molti, che sono stati anche protagonisti della Resistenza, non importa di quale colore politico, dal momento che la Libertà non è né di destra, né di sinistra, ma di tutti.
Bogardo e Alighiero Buricchi, Ariodante Naldi e Bruno Spinelli non erano soltanto partigiani, erano prima di tutto uomini, che si sono battuti contro l’occupazione nazifascista e non dei ribelli che hanno compiuto un atto di rivolta, mettendo in pericolo l’intera popolazione. Erano spiriti liberi, ai quali neppure la morte è riuscita a mettere le catene, “ragazzi” che hanno portato alto il vessillo di valori nobili e che noi abbiamo il compito di custodire, tenendo stretto il filo rosso della memoria.“ Credo che il lavoro che è stato svolto nel corso degli anni passati e l'impegno che l'Amministrazione Comunale di Carmignano sta continuando a concentrare nella realizzazione di iniziative a sostegno della memoria di questi eventi siano fondamentali. Ma una menzione particolare va a tutte quelle associazioni che nel corso degli anni sono andate aumentando: mi riferisco in primo luogo al Comitato “11 giugno”, agli amici del Circolo Naldi di Poggio alla Malva, all'Associazione "Frammenti di memoria" di Comeana e allo stesso Circolo 11 giugno di Carmignano, che hanno contribuito in maniera decisiva non solo ad aumentare il "cartellone" della ricorrenza ma anche a coinvolgere tante persone e tanti giovani per far conoscere quegli eventi così significativi per il territorio carmignanese”.
È ora di dire basta alla guerra. Basta alle stragi. Non abbiamo più bisogno di eroi a ricordarci di quanto la libertà sia incommensurabile.Dobbiamo solo imparare. Imparare a rispettare questo mondo che ci è stato consegnato migliore di come lo avevano trovato coloro che ci hanno preceduto. Imparare e prenderci cura di ciò che non abbiamo ricevuto in eredità, ma che abbiamo preso a prestito dai nostri figli. 
Da "Paese Sera"
GRUPPO 11 GIUGNO FACEBOOK(QUI)

10 giu 2012

Ferdinando Camon - Tenebre su tenebre

Chi vive, vive la propria vita. Chi legge, vive anche le vite altrui. Ma poiché una vita esiste in relazione con le altre vite, chi non legge non entra in questa relazione, e dunque non vive nemmeno la propria vita, la perde. La scrittura registra il lavoro del mondo. Chi legge libri e articoli, eredita questo lavoro, ne viene trasformato, alla fine di ogni libro o di ogni giornale è diverso da com’era all’inizio. Se qualcuno non legge libri né giornali, ignora quel lavoro, è come se il mondo lavorasse per tutti ma non per lui, l’umanità corre ma lui è fermo. La lettura permette di conoscere le civiltà altrui. Ma poiché la propria civiltà si conosce solo in relazione con le altre civiltà, chi non legge non conosce nemmeno la civiltà in cui è nato: egli è estraneo al suo tempo e alla sua gente».