02 giu 2011

Rino Gaetano 29 ottobre 1950 - 2 Giugno 1981

Chi vive in baracca, chi suda il salario
chi ama l'amore e i sogni di gloria
chi ruba pensioni, chi ha scarsa memoria
Chi mangia una volta, chi tira al bersaglio
chi vuole l'aumento, chi gioca a Sanremo
chi porta gli occhiali, chi va sotto un treno
Chi ama la zia chi va a Porta Pia
chi trova scontato, chi come ha trovato
na na na na na na na na na
Ma il cielo è sempre più blu uh uh, uh uh,
ma il cielo è sempre più blu uh uh, uh uh, uh uh...
Chi sogna i milioni, chi gioca d'azzardo
chi gioca coi fili chi ha fatto l'indiano
chi fa il contadino, chi spazza i cortili
chi ruba, chi lotta, chi ha fatto la spia
na na na na na na na na na
Ma il cielo è sempre più blu uh uh, uh uh,
ma il cielo è sempre più blu uh uh, uh uh, uh uh...
Chi è assunto alla Zecca, chi ha fatto cilecca
chi ha crisi interiori, chi scava nei cuori
chi legge la mano, chi regna sovrano
chi suda, chi lotta, chi mangia una volta
chi gli manca la casa, chi vive da solo
chi prende assai poco, chi gioca col fuoco
chi vive in Calabria, chi vive d'amore
chi ha fatto la guerra, chi prende i sessanta
chi arriva agli ottanta, chi muore al lavoro
na na na na na na na na na
Ma il cielo è sempre più blu uh uh, uh uh,
ma il cielo è sempre più blu uh uh, uh uh,
ma il cielo è sempre più blu
Chi è assicurato, chi è stato multato
chi possiede ed è avuto, chi va in farmacia
chi è morto di invidia o di gelosia
chi ha torto o ragione,chi è Napoleone
chi grida "al ladro!", chi ha l'antifurto
chi ha fatto un bel quadro, chi scrive sui muri
chi reagisce d'istinto, chi ha perso, chi ha vinto
chi mangia una volta,chi vuole l'aumento
chi cambia la barca felice e contento
chi come ha trovato,chi tutto sommato
chi sogna i milioni, chi gioca d'azzardo
chi parte per Beirut e ha in tasca un miliardo
chi è stato multato, chi odia i terroni
chi canta Prévert, chi copia Baglioni
chi fa il contadino, chi ha fatto la spia
chi è morto d'invidia o di gelosia
chi legge la mano, chi vende amuleti
chi scrive poesie, chi tira le reti
chi mangia patate, chi beve un bicchiere
chi solo ogni tanto, chi tutte le sere
na na na na na na na na na
Ma il cielo è sempre più blu uh uh, uh uh,
ma il cielo è sempre più blu uh uh, uh uh, uh uh..
Rino Gaetano nasce il 29 Ottobre 1950 a Crotone e vi risiede fino a quando, nel 1960, i suoi genitori decidono di trasferirsi a Roma nel quartiere popolare di Monte Sacro.Aspirante geometra, allevia gli studi dilettandosi a coltivare i primi interessi per il mondo del teatro. Inizia inoltre i suoi primi approcci musicali imparando a suonare la chitarra e componendo le sue prime canzoni.Il mondo musicale lo accoglie con perplessità per il suo modo ironico e singolare di proporre i pezzi, ma viene però notato da alcuni discografici romani suscitando la loro curiosità.Dopo varie esperienze di teatro per ragazzi (in una versione musicale di "Pinocchio" interpretava la Volpe), debutta nella discografia italiana nei primi anni 70 per la Hit con un 45 giri nel quale interpreta sotto lo pseudonimo di "Kammamuri's", una canzone intitolata "I love you Marianna”.
Due anni dopo si ripropone con il suo primo album INGRESSO LIBERO (1974) che viene per lo più ignorato sia dal grande pubblico che dagli addetti ai lavori.Nel 1975 pubblica il 45 giri MA IL CIELO E’ SEMPRE PIU’ BLU, una sorta di filastrocca sui vizi e le contraddizioni della società di quel tempo.Nel 1976 esce il suo secondo disco intitolato MIO FRATELLO È FIGLIO UNICO con inclusa la famosa "Berta filava".
Da questo momento in poi, per un periodo che va dal 1976 al 1978, Rino Gaetano si impone come il "grillo parlante" per antonomasia e pubblica una serie di pezzi che hanno la qualità di divertire ma di far riflettere su temi tanto delicati quanto difficili da affrontare in musica.Con i successivi AIDA (1977) e NUNTEREGGAEPIÙ (1978)
 in un rapido crescendo, riscuote consensi sempre più consistenti, fino ad ottenere un vero e proprio successo con la canzone "Gianna" al Festival di Sanremo del 1978, con cui si piazza terzo e diventa record di vendite.
Nel 1979, l'album RESTA VILE MASCHIO DOVE VAI (il brano omonimo viene scritto da Mogol), che lancia nel periodo estivo l'indimenticabile ballata "Ahi Maria", segna il passaggio dalla piccola casa discografica Hit, alla multinazionale RCA e l'inizio di una serie di tournée che lo renderanno popolarissimo in tutta Italia.Entra in crisi artistica nel 1980 dopo aver inciso l'album E IO CI STO.Proprio mentre sta vivendo questa importante fase di transizione, alle prime luci dell'alba del 2 Giugno 1981, perde la vita tornando a casa in un tragico incidente automobilistico sulla via Nomentana a Roma.

Nessun commento: