07 giu 2011

BEE GEES

Conosco I tuoi occhi al sole del mattino
sento che mi tocchi sotto la pioggia torrenziale
e quando ti allontani da me
voglio sentirti ancora tra le mie braccia
tu vieni da me come una brezza d’estate
Mi riscaldi con il tuo amore e poi piano te ne vai
ed è a me che hai bisogno di dimostrarlo
Quanto profondo é il tuo amore?
Devo veramente impararlo
perché viviamo in un mondo di pazzi
che ci deprimono
quando loro ci dovrebbero lasciarci stare
noi apparteniamo a te e me
credo in te
Tu conosci la porta della mia anima
sei la mia luce nei miei momenti più oscuri
tu sei il mio salvatore quando cado
e forse non pensi
che mi prendo cura di te
quando sei triste
questo lo faccio veramente
ed è a me che hai bisogno di dimostrarlo
Quanto profondo é il tuo amore?
Devo veramente impararlo
perché viviamo in un mondo di pazzi
che ci deprimono
quando loro ci dovrebbero lasciarci stare
noi apparteniamo a te e me
Quanto profondo é il tuo amore?
Devo veramente impararlo
perché viviamo in un mondo di pazzi
che ci deprimono
quando loro ci dovrebbero lasciarci stare
noi apparteniamo a te e me
Quanto profondo é il tuo amore?
 
I Bee Gees sono stati una delle band più longeve della storia del pop: grazie alla loro versatilità compositiva, nonché alla semplicità ed efficacia delle loro melodie,sono riusciti a mantenere un grande successo nell'arco di trentacinque anni,riuscendo a porsi come protagonisti di una costante evoluzione musicale, dal beat all'R&B, dal funky al country-rock, dalla disco-music al pop. I fratelli Gibb nacquero a Douglas nell'isola di Man, situata tra la Gran Bretagna e l'Irlanda, da Hugh, leader di una band e Barbara, cantante professionista. Il trio fu costituito da Barry (nato il 1° settembre 1946) e dai gemelli Maurice e Robin, nati il 22 dicembre del 1949. I genitori si accorsero ben presto del loro talento. Barry aveva infatti 9 anni, quando cominciò a suonare la chitarra e a esibirsi coi fratelli nei cinema di Manchester, tra un film e l'altro, con il nome di Rattlesnakes. Nel 1958, la famiglia al completo si trasferì a Brisbane, in Australia. Una volta giunti nella "terra dei canguri", i fratelli cominciarono a comporre molte canzoni, giurando a sé stessi che sarebbero rimasti sempre uniti nell'impresa. Dopo aver suonato nei locali balneari, nonché in emittenti radio e tv private, nel marzo 1960 i fratelli conquistarono uno spazio in una trasmissione televisiva, dapprima con il nome di BG's (Brothers Gibb) e, successivamente, con quello che li avrebbe fatti conoscere al mondo intero: Bee Gees. Nel 1963 firmarono il loro primo contratto con la Festival Records, pubblicando il singolo "Three Kisses Of Love". Nel 1966 furono nominati come miglior band australiana. Il successo, tuttavia, fu conseguito soltanto con il singolo "Spicks And Specks", tratto dall'omonimo album, col quale raggiunsero la prima posizione nella hit parade australiana.
 Nel gennaio del 1967, però, la famiglia Gibb si imbarcò per il ritorno in Inghilterra, dove Beatles e Rolling Stones erano ormai un fenomeno consolidato. I fratelli decisero, pertanto, di rivolgersi a Robert Stigwood, manager della Polydor, e storico produttore dei loro primi lavori discografici. Ai fratelli si aggiunsero il batterista Colin Petersen e il chitarrista Vince Melouney, entrambi australiani. Fu così che pubblicarono il loro primo singolo a livello internazionale, "New York Mining Disaster 1941", che avrebbe conquistato anche i primi posti della hit parade statunitense.
Questo fu l'anticipo dell'album The First, il primo vero album della loro carriera ufficiale, registrato in stereo, a differenza dei due appartenenti alla produzione australiana. Altra novità rispetto al passato fu la collaborazione di tutti e tre nella composizione dei brani, mentre in precedenza l'unico autore era stato Barry. Altro singolo di successo, estratto da tale opera prima, fu "To Love Somebody", del quale uscirono circa duecento versioni, tra cui quella sofferta di Janis Joplin.
La canzone doveva essere interpretata da Otis Redding, ma il progetto andò a monte, a causa della morte di quest'ultimo, avvenuta nel 1967. Con The First i Bee Gees si apprestavano a divenire una delle più autorevoli pop band esordienti: ciò fu sancito anche dalla loro apparizione a "Top on the pops", il più importante show musicale d'Inghilterra. Nell'ottobre del 1967, fu pubblicato il singolo "Massachussetts", che raggiunse il primo posto della classifica inglese e anticipò l'uscita del secondo album, Horizontal. Quest'ultimo mantenne lo stile del precedente, basandosi su ballad dolci e melodiche, composte con la chitarra o con il piano, ma notevolmente arricchite dagli arrangiamenti orchestrali diretti da Bill Shepherd. Nel 1968 uscì anche il terzo album, Idea, con piccole gemme come "I Started A Joke" e "I've Gotta Get A Message To You", ripresa in italiano da Mal dei Primitives con il titolo "Pensiero d'amore". Il 1968 fu particolarmente favorevole per i fratelli Gibb, in vetta alle classifiche con ben due album e sei singoli.
Il 1969, invece, fu l'anno di Odessa, un doppio album con la copertina di velluto rosso, il cui aspetto lussuoso si intonava perfettamente alla raffinatezza dei brani: gli arrangiamenti orchestrali di Shepherd vennero qui maggiormente elaborati, apportando ulteriore maestosità ai brani. Tra questi, "First Of May", ballad dal sapore natalizio, fu il singolo di maggior successo. Ma fu anche il pretesto per una storica rottura, già alimentata dallo stress dovuto al tempo trascorso in sala di registrazione: mentre Barry scelse tale canzone per l'inserimento nel lato A del singolo, Robin avrebbe preferito "Lamplight", altro gioiello incluso nell'album. Tale aneddoto, tuttavia, fu solo la goccia che fece traboccare il vaso, causando la dipartita di Robin, che decise di intraprendere la carriera solista. Presto uscirono di scena anche Petersen e Melouney. Mentre Robin riuscì a conseguire un enorme successo con il singolo "Saved By The Bell" e il suo primo album solista "Robin's Reign", Barry e Gibb risposero con il singolo "Don't Forget To Remember" e l'album Cucumber Castle, il cui titolo fu utilizzato altresì per la realizzazione di uno special tv. Il 1970 fu un anno importante non tanto per l'uscita dell'album Two Years On, bensì per il rientro di Robin nel gruppo: la gioia dei fratelli e il consolidamento del legame che li univa furono tradotti in musica con il singolo "How Can You Mend A Broken Heart", nel quale si faceva esplicito riferimento alla rottura e alla riappacificazione: il brano raggiunse il primo posto nella classifica statunitense.
Anche l'album Trafalgar ottenne buoni riscontri commerciali. Tuttavia, proprio nel 1971 i fratelli Gibb conobbero il primo declino. To Whom It May Concern (1972), Life In A Tin Can (1973) e Mr. Natural (1974) furono sottovalutati e ignorati dal mercato inglese e americano, mentre la band ricevette accoglienza e riconoscimenti positivi in Italia, soprattutto con il singolo "Run to me".
Mr. Natural, comunque, rappresentò un punto di svolta nella carriera dei Bee Gees: rilevante fu l'incontro con Arif Mardin, produttore americano di origine turca, che avrebbe determinato il distacco dall'originario pop melodico e l'approdo verso un genere nuovo, un contemperamento tra soul e R&B. Mardin fu nuovamente contattato nel 1975: questa volta la collaborazione avvenne negli studi Criteria di Miami, Florida, seguendo i consigli di Eric Clapton, il quale aveva ivi realizzato "461 Ocean Boulevard". Ne nacque Main Course, il quale non solo costituì un'ulteriore fase di evoluzione verso la disco-music anni Settanta, ma riportò i Bee Gees sulla cresta dell'onda, spopolando in Gran Bretagna e negli Stati Uniti, e divenendo disco d'oro e di platino. Tra i singoli estratti, è da ricordare soprattutto "Jive Talkin'", ma anche "Nights On Broadway", nel quale Barry iniziò a cantare in falsetto.
Tale percorso soul e R&B proseguì nel 1976, con la realizzazione di Children Of The World, anch'esso disco d'oro e di platino. L'album fu prodotto da una casa discografica diversa, ovvero senza l'ausilio di Mardin, considerato un grande maestro dai Gibb. Il singolo trainante fu "You Should Be Dancing", che, insieme a "Love So Right", divenne un altro disco d'oro.
Per la registrazione dell'album successivo, i Bee Gees scelsero lo Chateau D'Herouville, il quale aveva già ispirato Elton John per il titolo del suo lavoro del 1972 ("Honky Chateau").
Nel frattempo, Robert Stigwood stava lavorando su un film riguardante la cultura dance a New York, basato su un articolo intitolato "Tribal rites of the new saturday night".

Il film in questione era Saturday Night Fever, con John Travolta. La colonna sonora, un doppio album di diciassette brani, fu il disco più venduto al mondo in tutta la storia della musica, dopo "Thriller" di Michael Jackson.Tra i brani apportati dai fratelli Gibb, sono inclusi "Stayin' Alive", "How Deep Is Your Love", "Night Fever" e "More Than A Woman", eseguita anche dai Tavares; altra loro canzone di grande successo è "If I Can't Have You", cantata da Yvonne Elliman, ovvero colei che interpretò Maddalena in "Jesus Christ Superstar". Le intuizioni "disco" di Giorgio Moroder vennero portate al successo con una formula tanto semplice quanto efficace, fondata sull'accostamento tra un cantato in falsetto, un ampio uso degli archi, una manciata di ottime melodie e un ritmo implacabile. Pochi altri brani avranno lunga vita in discoteca come quelli tratti da quest'album.
Il successo strepitoso di cui furono protagonisti i Bee Gees nel periodo della disco-music proseguì nel 1979 con Spirits Having Flown, il loro album più venduto in Italia. Il disco mantenne lo stile di "Saturday Night Fever", nel quale tutti i brani furono cantati in falsetto; il genere fu ancora una volta una disco-music inconfondibile, in cui funky e soul si amalgamavano perfettamente. I singoli di successo furono "Tragedy", esaltazione del loro cantato in falsetto, la struggente "Love You Inside Out" e la ballad lentissima "Too Much Heaven" che anticipò, nel 1978, l'uscita dell'album stesso.
Ma il successo avrà due facce per i fratelli australiani: i Bee Gees, infatti, saranno ormai identificati con l'immagine di "star" assunta in quel periodo. E la critica affilerà presto le penne contro di loro, anche per l'utilizzo improprio della loro immagine da parte della casa discografica. Si aggiunga, poi, il flop del film Sgt Pepper's Lonely Hearts Club Hand, per il quale la band realizzò una colonna sonora nel 1980... A farne le spese fu l'album Living Eyes, pubblicato nell'autunno del 1981: le vendite tradirono ogni aspettativa. E pensare che in esso fu operata un'importante variazione di stile, senza più voci in falsetto, all'insegna di un pop sobriamente raffinato, con qualche spunto country-rock. Il singolo trainante fu "He's A Liar", brano di un rock lieve, nel quale non mancano frammenti di pop elettronico. Importante, poi, fu il contributo di musicisti di rilievo, come Don Felder, chitarrista degli Eagles.
Fu così che, negli anni Ottanta, i Bee Gees, ormai in fase calante come band, si dedicarono a numerose collaborazioni con altri artisti. Nel 1980, Barry produsse "Guilty", il più famoso album di Barbra Streisand (con il grande hit "Woman In Love"). Altri album composti e prodotti dai fratelli Gibb, furono "Heartbreaker" di Dionne Warwick (1982), "Eyes That See In The Dark" di Kenny Rogers (1983) e, soprattutto, "Eaten Alive" di Diana Ross (1985). Nel 1983, composero cinque canzoni per la colonna sonora di Stayin' Alive, fiacco seguito di Saturday Night Fever, il cui protagonista fu ancora John Travolta. Il brano trainante fu "The Woman In you", per il quale uscì anche un videoclip.Nello stesso anno, Robin Gibb pubblicò l'album How Old Are You?, trascinato dal singolo "Juliet": il successo fu enorme. L'anno successivo si presentò con Secret Agent, dal quale fu estratta "Boys (do fall in love)", mentre Barry pubblicò Now Voyager, passato quasi inosservato, ad eccezione del discreto esito riportato dal singolo "Shine Shine". Nel 1987, i fratelli Gibb compresero che era giunta l'ora di ricominciare: fu l'anno del ritorno col nome di Bee Gees. E lo fecero con classe, cambiando casa discografica (passarono dalla Polydor alla Warner) e con la produzione da parte di una loro vecchia conoscenza: Arif Mardin. Il risultato fu E.S.P., ossia Extra Sensorial Perpections, preceduto dal singolo "You Win Again", che raggiunse il primo posto di numerose classifiche europee, restando tuttavia un flop negli Usa. Pur senza raggiungere i fasti degli anni 70, i Bee Gees confezionarono un album dignitoso, grazie soprattutto all'eleganza degli arrangiamenti e alla presenza di ballad riflessive.
Nel marzo 1988, un evento doloroso sconvolse la vita di casa Gibb: Andy, il fratello minore, morì per overdose a soli trent'anni. Andy, seguendo le orme dei fratelli più grandi, aveva inciso alcuni album, incontrando anche un successo non trascurabile, soprattutto con Shadow Dancing (1978). Il 1989 fu l'anno di One e del singolo "Ordinary Lives". Ne seguì un tour mondiale, nel quale furono cancellate le due date italiane, a causa di problemi di salute di Barry. Nel 1991, High Civilization ottenne un discreto successo in Europa, ma fu completamente ignorato negli Usa. Successivamente, i Bee Gees tornarono alla Polydor, per la quale incisero, nel 1993, Size Isn't Everything, il cui singolo "Paying The Price Of Love" fu il più trasmesso dalle radio dai tempi di "You Win Again". Il 1997 fu un anno molto importante per i fratelli Gibb: dopo l'uscita di Still Waters, anticipato dal singolo di successo "Alone", ottennero numerosi riconoscimenti, nonché premi di riguardo (American Music Awards, Brit Awards e World Music Awards); in Italia, si esibirono al Festival di Sanremo. Ma soprattutto si riaffacciarono nel mercato discografico, con un tour mondiale durato ben due anni tra Stati Uniti, Europa, Sudafrica, Sud America e Oceania. Dalla registrazione dell'esibizione di Las Vegas, nacque l'album One Night Only, pubblicato nel 1998, il secondo live ufficiale, dopo Here…At Last… Bee Gees Live del 1977, successivamente edito anche in Dvd. Dopo aver concluso, il "One Night Only" tour, i Bee Gees iniziarono a lavorare per la realizzazione dell'album This Is Where I Came In, che uscì nell'aprile 2001. Alla fine di dicembre del 2002, i fratelli Gibb furono nominati baronetti dalla Regina Elisabetta II. Ma il destino aveva in serbo un altro duro colpo per la famiglia Gibb: il 12 gennaio 2003, in seguito a un blocco intestinale, dovuto a una malformazione congenita, Maurice perse la vita a soli 53 anni, in un ospedale di Miami. La notizia gettò nello sconforto i fratelli e tutti i fan. In un'intervista di Rebecca Hardy, Robin ha dichiarato che, nonostante vari tentennamenti, lui e Barry hanno deciso di continuare a comporre insieme, sempre con il nome di Bee Gees, poiché questa sarebbe stata la volontà di Maurice. In altre occasioni, però, è stato affermato il contrario, almeno secondo alcune fonti, poiché tale nome identificava tutti e tre i fratelli. Benché permangano delle incertezze sul futuro dei due fratelli, nulla è discutibile sul loro passato: i Bee Gees, prima di un lento e inesorabile declino, hanno segnato indelebilmente un'era musicale: quella della disco-music.

Nessun commento: