08 set 2011

"Parlando ai suoi carcerieri"(Salomon Mahlangu)

Non meravigliatevi se sorrido
anche nei momenti di angoscia.
Non dispiacetevi se mantengo
dritta la mia colonna vertebrale
in questa tana sinistra
in questa tomba fatta a misura
io sono un uomo libero.
Nel vostro campo di lebbrosi
rimango un uomo puro.
Non fatevi dunque domande sul mio sguardo
acuto, il mio sguardo insanguinato
è nato da verità vissuta.
Questo corso d'acqua,
questa fontana di vita svuotata..
Temporale di difficoltà prima ammassate poi allontanate
nate da una nauseabonda incertezza
portano spine che pungono la mia anima
fredda, torturata
che indurisce il mio essere
che fa saltare il mio cervello.

Nessun commento: