09 mar 2012

Chi lavora dice FIOM!!!!!!!

Oggi la FIOM ha portato 50.000 mila operai a Roma,questa è l'ennesima dimostrazione che la Fiom è una delle pochissime vere organizzazioni sindacali,che inquadra la difesa reale dei lavoratori(non quella compiacente verso la parte padronale)...Così come ha fatto il PD,che prende come pretesto la presenza dei No TAV per disertare la manifestazione,dice Bersani che la TAV non centra niente con la manifestazione di oggi,io dico che non è così,infatti le questioni della mobilità sono fondamentali per lo sviluppo dell'occupazione,quindi anche per la soluzione delle crisi industriali nello specifico settore metalmeccanico,e la TAV è in radicale contraddizione con una soluzione virtuosa di tali questioni perché assorbe inutilmente (e dannosamente) risorse che potrebbero essere impiegate per risolvere quelle crisi. La TAV è sostenuta dal potere perché ovviamente produce tante tangenti e appalti, e solo per quello.Quindi il PD ha dimostrato una volta ancora di avere politiche assolutamente omologhe a quelle della destra,un partito che sostiene un governo che affama i pensionati e allunga l'età lavorativa ai lavoratori.
Il PD ha fatto bene a non andare alla manifestazione, per il semplice motivo che non c'entra nulla con la stessa..Tornando al tema lavoro proprio giorni fa si parlava della notizia da parte dell’ Eurostat sulla classifica salariale europea,dove il dipendente italiano è relegato agli ultimi posti.Un fatto estremamente grave che conferma l’onda lunga (di almeno una ventina d’anni) della “politica salariale” al ribasso che si dice applicata per contenere i costi, ma si potrebbe altrettanto definire una politica di sfruttamento dell’esistente senza la volontà per gli investimenti necessari a garantire un futuro.Siamo il paese con il più grande numero di lavoratori atipici in Europa – si parla di circa 3 milioni – con contratti privi di tutele e di diritti, prossimi alla forma di sfruttamento più cinica e oltraggiosa vigente nei paesi più arretrati.Il “welfare” italiano è oramai prossimo al default ancor prima che si sia provveduto ad estendere a tutti i lavoratori  settore privato e pubblico  gli stessi diritti basilari al sussidio di disoccupazione,si assiste pertanto a lavoratori sussidiati (con un contributo da fame!!)  tra cassa integrazione,mobilità (per chi la può usufruire)... tramite i quali le grande aziende possono persino gestire le loro ristrutturazioni aziendali A SPESE DELLO STATO, e a situazioni relative al mondo delle piccole realtà lavorative e a lavoratori atipici lasciate in balia del caso, nel totale disinteresse generale e senza tutela alcuna.
Per non parlare della totale ignoranza verso il lavoro in nero e verso la sicurezza sul lavoro (ieri, due morti sul lavoro, come dai notiziari).Per contro, il settore della PA, protetto com’è da codici e leggi assolutamente inconciliabili con l’idea della parità di condizione lavorativa e trattamento remunerativo in un sistema democratico, gode di privilegi e di “diritti” assolutamente inconciliabili di fronte alla legge,come inserito nella Costituzione. “La Repubblica è fondata sul lavoro”, si afferma; il che non specifica che un dipendente della PA non possa essere licenziato, mentre un lavoratore atipico può essere mandato a casa su due piedi e non può “godere” dello stesso numero di mensilità, dello stesso numero di giorni di ferie e – non da meno dello stesso livello salariale.
Un'idea generale di lavoro e democrazia(Maurizio Landini)
IL MANIFESTO
Oggi è una giornata molto importante per la Fiom e per il futuro della democrazia. Il sindacato dei metalmeccanici della Cgil, nel corso del sua storia non si è mai limitato a difendere le condizioni dei lavoratori che rappresenta ma ha sempre avuto l'obiettivo ambizioso di modificare, attraverso la contrattazione e l'azione sindacale, il modello sociale. Oggi denunciamo che la poca democrazia nei luoghi di lavoro si accompagna all'attacco ai salari, ai diritti e alle condizioni materiali della nostra gente. È un meccanismo infernale prodotto direttamente da un modello di sviluppo sbagliato che non riconosce vincoli sociali né ambientali.
C'è un collegamento profondo tra la richiesta di democrazia, la battaglia per riconsegnare ai lavoratori il diritto di decidere sulle proprie condizioni, sui contratti e gli accordi che li riguardano e la costruzione di nuovo lavoro. Ci interroghiamo sul senso, cioè sul prodotto di questo nuovo lavoro. Tornano domande antiche, a cui oggi siamo tenuti a rispondere: cosa, come, dove produrre?
In sostanza, la Fiom ha un'idea generale del lavoro e di dove esso si collochi. Mi chiedo invece se i partiti abbiano un'idea generale che tenga insieme la democrazia, il lavoro e i suoi imprescindibili diritti e un modello di sviluppo al tempo stesso rispettoso dell'ambiente, cioè della natura e della collettività.
La Fiom, con lo sciopero generale di oggi e la manifestazione a Roma che sarà grande e aperta a chi ha a cuore come noi la democrazia, chiede un piano straordinario sostenuto da investimenti pubblici e privati per un'uscita sostenibile dalla crisi. A chi si turba per la presenza sul nostro palco di rappresentanti istituzionali critici nei confronti delle grandi opere rispondiamo che noi siamo, e non da oggi, contro la cultura e i guasti delle grandi opere proprio perché ci battiamo in difesa del territorio e dei diritti di chi lo abita, perché è urgente un progetto di mobilità sostenibile. E' una questione che riguarda tutti, a cominciare dalla politica. Così come dovrebbe riguardare tutti l'attacco ai diritti e alle libertà sindacali scatenato dalla Fiat di Sergio Marchionne, o il tentativo in atto nell'industria pubblica di smobilitazione della produzione civile puntando invece su quella militare.
Come si possono non vedere i legami tra le battaglie per i diritti e la democrazia nel lavoro con quella in difesa dei diritti e della democrazia nella società? E come si fa a non condividere l'impegno sull'art. 18, se è vero che ci si vuole schierare al fianco dei precari, cioè contro la precarietà? Noi siamo su questo fronte proprio perché abbiamo in testa diverse relazioni sociali e un diverso sviluppo perché quello voluto dal liberismo divide, distrugge risorse, ricchezze, beni comuni, lavoro e dignità. E aumenta le diseguaglianze.In piazza a Roma sfileranno le lavoratrici e i lavoratori metalmeccanici in sciopero per tutta la giornata. Chi sceglierà di non esserci non esprime un dissenso nei confronti della Fiom, ma delle domande di democrazia di cui sono portatori. Da chi condivide la critica agli attacchi antidemocratici della Fiat perché, come noi, pensa che violino la Costituzione, mi aspetto un impegno a cancellare l'articolo 8 della manovra d'agosto del governo Berlusconi e a far sì che venga approvata una legge sulla rappresentanza e la democrazia nel lavoro.
Una legge che consenta a chi lavora di esprimersi sugli accordi e i contratti, di eleggere liberamente chi dovrà rappresentarli e che ripristini l'agibilità sindacale. Queste cose dovrebbero saperle i partiti che hanno a cuore l'unità sindacale, oggi in crisi. E' proprio la mancanza di democrazia nel lavoro a rendere difficile l'unità.Con i metalmeccanici sfileranno tanti giovani, studenti, lavoratori interinali e precari a cui si presentano i conti di una crisi provocata da politiche sbagliate, le stesse che oggi si vogliono imporre per uscirne. Superare la precarietà è la strada principale per ricostruire coesione e sicurezza sociale. Ci saranno con noi tanti pensionati e tanti e tante che vedono la pensione come una chimera, un orizzonte sempre più lontano mentre figli e nipoti vedono sempre più lontano e precario un ingresso nel mondo del lavoro. La priorità deve andare ai contratti a tempo indeterminato, la riforma degli ammortizzatori sociali deve partire dall'estensione a tutti della cassa integrazione. Oltre agli ammortizzatori sociali così riformati si sperimentino forme di reddito di cittadinanza come avviene nel resto dell'Europa, anche per garantire ai giovani il diritto allo studio.
Infine, è utile ricordarlo, oggi la Fiom ha chiamato allo sciopero i metalmeccanici e a manifestare chi ha a cuore la democrazia per riconquistare un vero contratto nazionale di lavoro oggi negato dalle aziende attraverso la pratica degli accordi separati, con la copertura di leggi ingiuste di cui un paese democratico dovrebbe liberarsi.
Buona manifestazione a tutti.

Nessun commento: