30 mag 2011

O MIA BELA MADUNINA!!!!!!!!!!!!!!!!

Che magnifica giornata,ci siamo o ci stiamo liberando di qualcosa che non ci è mai appartenuto!!Grazie Napoli,grazie Milano,grazie Cagliari grazie Italia!!!Non ricordo altro momento in cui mi sono commosso per l'esito delle elezioni come quello di oggi.. Questo è il trionfo della politica che fa  politica,della magistratura,della decenza,del rispetto delle donne,del riscatto internazionale,di tutti quelli che hanno dovuto sopportare barzellette ignoranti,promesse vuote e offensive,show patetici,dei precari e dei disoccupati,di quelli che sono amministrati da uomini e donne improvvisati reclutati nel privé del bunga-bunga.Negli ultimi  anni ho provato pure vergogna nel chiamarmi "italiano",grazie a tutti i votanti che hanno scelto di far respirare a tutta l'italia un'aria di risveglio,ora mi sento un po' più cittadino di un paese che sta ritrovando la sua dignità.
A Silvio dico che  hai perso(pareggiato? come dice lui) anche questa volta 7-8-10 a 0..non importa quanto!!!E con lui ha perso una politica fatta di "cricche" affaristiche, pronte a spolpare quel poco che resta della nostra Italia.Con lui hanno perso quei colonnelli come Scajola, Bondi, Verdini, La Russa, Brunetta,Bossi ecc ecc...Ha perso il suo cattolicesimo retrivo di facciata,che mentre nega i diritti civili alle minoranze dei diversi e delle coppie di fatto,s'impasta di nevrotiche ed ossessive pratiche libidinose.Ha perso il suo nuclearismo affaristico e tangentato.Ha perso l'opprimente cappa di subcultura costituzionale.Ha perso la sua promozione di starlette a posti di responsabilità istituzionali con relativa emarginazione di persone realmente capaci. Ha perso la sua cultura dell'immagine più che della sostanza (ad una qualsiasi, insulsa figura televisiva stipendi d'oro, espatrio forzato per i nostri giovani ricercatori a 800 € quando ci sono e gli va bene!). Ha perso l'assenza di prospettive di lavoro per i nostri giovani...Ha perso la penalizzazione della scuola pubblica a favore di quella cattolica e privata...
Berlusconi ha perso!!!Ora mi rendo finalmente conto che ci siamo svegliati dopo che questi ultimi vent'anni ci hanno addormentati,è come se fossimo caduti in un sonno profondo sia noi cittadini che,con maggiori responsabilità,i politici;ce lo siamo detti tante volte,ci siamo disabituati all'esercizio del dubbio, della valutazione critica e abbiamo delegato una classe politica (per di più inadeguata) come se nulla dovesse interessarci,come se non fossero affari nostri.La sinistra ha peccato di superficialità e supponenza, ha sottovalutato l'avversario e in sostanza,si è dimenticata come si fa politica ovvero, a capacità di comprendere e dare risposte ai problemi reali della vita delle persone,creando una distanza e un disamore enormi.Spero che tutti questi anni di Berluscismo servino di lezione..Adesso viene il difficile,non è finità qui godiamoci questa vittoria e da domani mettiamoci tutti al lavoro anche noi cittadini per dare un futuro a questo paese,per creare una sinistra che sia vicina alla gente in modo che possa abbattere definitivamente il nano di Arcore....

 Godo(Rita Pani)
Così a caldo è difficile restare obiettivi, perché quel che più facile da scrivere, quel che spontaneamente approda dalla penna alla carta è il godimento. Godimento non miserabile, ma sentito; quello che viene dal profondo del cuore quando si resta stupiti, quando è bello scoprire che in fondo ci si sbagliava. Io non ci credevo, e soprattutto il mio stupore è per Napoli e la Riscossa napoletana. Più che da Milano, è proprio da là che arriva il vero fischio del vento.Vuol dire tanto il voto di Napoli, vuol dire assai di più se si considera che la città è stata consegnata ad un insospettabile, ad un magistrato. Significa che è tempo di legalità, e che le mafie – tutte le mafie – devono tornarsene sui monti a spararsi tra di loro, a baciarsi le mani – e i culi – tra di loro.È un bel giorno per l’Italia, quello di oggi, che finalmente farà tappare la bocca a quel tizio, che ora dovrà comprendere di non essere poi così tanto amato o di non essere amato gratis. Ridicolo fino in fondo, chiuso nel suo silenzio, gioca ancora il suo pedone di meno valore, facendo dimettere bondi; un sacrificio da nulla.L’Italia di oggi è da ricordare. È quella che ha detto basta, seguendo lo spoglio minuto per minuto sui social network, gioendo ancor di più che se fosse stata una finale di calcio qualunque. Ma si deve continuare, perché il tizio è sempre più famelico, e non cederà. Lui vuole conservarsi al di sopra di tutti, e soprattutto al di sopra delle leggi e delle regole, e per questo ora più che mai dovremo vigilare, perché lo scempio cessi o almeno non si compia fino in fondo.Una giornata d’orgoglio per l’Italia, a dispetto persino dello stesso PD, che gioisce ma che non capisce quanta voglia e necessità ci sia di una vera sinistra, che sappia porsi davvero a servizio di un popolo esausto, che probabilmente sarebbe pronto ancora a un sacrificio se questo servisse davvero per annusare una vita diversa, se non per noi, almeno per i nostri figli – ai quali noi molto dobbiamo.
Godo, anche di quel godimento effimero, immaginando quel tizio sempre più solo. Godo, pensando alle lingue dei suoi servi più infedeli, che continuano a lisciarlo mentre già si guardano intorno per trovar la via di fuga più comoda, il treno più rapido su cui saltare. Godo, perché non saremo noi ad abbattere l’ecomostro, ma saranno proprio i suoi servi, quelli che ancora oggi e forse domani, avranno il coraggio di presentarsi davanti a una telecamera, come le vecchie puttane stanno un po’ patetiche se non ridicole, sedute davanti alle loro botteghe.Non me lo voglio scordare questo bel tempo che apre il cuore, che ci lascia a sorridere soddisfatti e satolli. E se dubbi ho avuto in passato, uno non l’ho avuto mai: noi, persone per bene, che ancora riusciamo a pensare, che ancora sentiamo l’urgenza del dovere, noi che non saremo mai complici, SIAMO DI PIÙ.
VANESSA BALDAZZI
Vittoria
Vittoria tanto attesa..
Vittoria di rosso vestita,
che giaci orgogliosa nel Duomo di Milano.
Vittoria ti stendi dignitosa nell'isola Sarda.
Vittoria che canti felice nelle vie di Napoli.
Ti insinui nelle menti, alzi lo spirito,
ridi beffarda dei presuntuosi perdenti..
Ama questa terra, questo mare, queste montagne
oggi sono tue come ieri..
Questa volta non c'è stato sangue a macchiare le tue vesti..
Solo, l'onore degli Italiani

2 commenti:

♥Giusy♥ ha detto...

yeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!

nano malefico,Tiè!!

ANAM ha detto...

Ciao Giusy.... stupenda vittoria!!! ci voleva...besito