28 mag 2011

Declino "Marcello Plavier"


Alcune domande
turbano il mio dormire,
Sono nato troppo presto
o troppo tardi?
Cosa faccio in questo mondo
dove la gioia
mi è sempre soverchiata
dal soffrire?
Le mie speranze, i miei desideri,
dormono un sonno dolente.
Perché ad ogni gioia,
mi si alterna il dolore,
e la tristezza riaffiora,
violenta e maligna?
Dondolo e l’altalena della vita
costringe l’anima mia
in ginocchio.
I miei occhi stanchi,
il mio crine incanutito.
trasmettono quanto tempo
e quante avventure di vita
hanno attraversato.
Ma ora frugando
nei recessi dell’anima mia,
capisco ed invoco pietà.
DA CANTIERE POESIA

2 commenti:

`·. ̧ ̧.· ́ ́ ̄`··.Giusy.·`·. ̧ ̧.· ́ ́ ̄`· ha detto...

Ed io accolgo questo malore...e ti stringo...:)
Ti voglio bene.
Serena domenica.

ANAM ha detto...

ANCHIO TI VOGLIO BENE CARA...UN ABBRACCIO FORTE E BUONA DOMENICA!!!