07 apr 2011

Italia:Un paese razzista!!!!

Mi fa sempre piu schifo vivere in questa Italia,da tempo non sento di condividere la cittadinanza con un popolo razzista ma ora anche il solo abitarci mi fa sentire a disagio.Cosa ci hanno fatto in venti anni,quale metamorfosi ci ha trasformato in deficenti,pavidi,egoisti,qualunquisti,superficiali.Quali sono i principi che adottiamo per le nostre vite? c’è ne è rimasto qualcuno?Aspetto risposte...Inoltre vi chiedo:ma questi profughi da cosa si distinguono da noi? non è la provenienza che ci distingue è il sogno,la speranza che li distingue,loro nonostante siano disperati hanno ancora voglia di sognare e non hanno nulla da perdere se non la vita,noi siamo già morti e non lo sappiamo.Abbiamo paura di che,della loro voglia di vivere? Allora chiudiamoli nelle caserme con le recinzioni molto alte e schermate,occhio non vede cuore non duole,siamo sicuri che non è un’olocausto o un genocidio? Il loro problema è che sono dei giovani che vogliono farsi largo in un mondo di vecchi che hanno sfruttato le loro terre(con l'aiuto degli amici dell'occidente) e ora non ne vogliono sapere di loro.
La storia potrebbe rivalersi e un giorno come è successo in passato potremmo essere noi a chiedere un tozzo di pane!!...Ecco perchè la mia indignazione cresce leggendo i commenti di tanti italiani,un popolo razzista sì...razzista..Neppure davanti a 150 morti !!!!Dico ma che cavolo di popolo siamo diventati!!!Trattate le persone come bestie!mandiamoli di qua, no mandiamoli di là,no anzi spariamo sui barconi quando arrivano!!ma li guardate i Tg o no?le vedete le facce di questa povera gente quando arriva?La realtà è che per voi non sono niente ancora di più per i nostri governanti,e non solo per l'intero occidente non sono niente sono cibo per pesci,il loro destino è segnato...L'opulente occidente non riesce ad accoglierli,neanche temporaneamente,troppo occupati a salvare stati marci con economie marce,troppo occupati col pil che non va,troppo nazionali perchè bisogna pensare prima a casa propria,troppo schifettosi perchè sono sporchi e sudici.Non ci sono soldi neanche per dargli un minimo di dignità:però la prossima estate che vi organizzate per andare in vacanza con i vostri suv,le belle valigie di marca,in villaggi strapagati per non fare un cazzo dove viene sprecato cibo ed acqua in abbandanza ricordatevi degli occhi disperati di quelli che partono per morire indossando una semplice tunica e a piedi scalzi.Se non vi viene il magone e ve ne strafregate allora vuol dire che la vostra vita non vale un cazzo e le vostre ricchezze sono inutili perchè gli eroi disperati che solcano le nostre acque fino alla loro morte hanno contribuito a mantenere questo pianeta del cazzo e perfino la loro carne non è andata sprecata.

E a quelli che sperano in un accordo con la Francia...dico poveri illusi!!!!l'italia in politica estera conta come il due di briscola quasi sempre e adesso ancora di più visto il premier che abbiamo e una politica leghista di tipo estremamente feudale o paesottistico di periferia.Cosa ci aspettevamo?La diplomazia è un fattore importante per un paese e saper convincere l'Europa non si fa con tentennamenti continui come abbiamo fatto in questi ultimi 15 anni di berlusconismo... Convincere l'Europa significa essere seri e fare sempre una politica seria e attenta ai problemi dell'unita europea con riscontri, non con le chiacchiere. Ci vogliono uomini seri e di grosso calibro intellettuale non marionette che gridano e raccontano barzellette e cavolate di vario genere agli italiani. Così non si va in nessuna parte. E' una altra cosa gestire una nazione dalla gestione di una azienda dove tutti devono fare quello che dice il signor padrone altrimenti te ne vai a casa. Italiani svegliamoci e non ce la prendiamo con la Francia, ce la dobbiamo prendere con noi stessi in quanto siamo piccoli piccoli piccoli e facciamo ridere


Immigrati, se questo è un uomo(L'Unità)
Ma quanto vale la vita di un immigrato? Quanto quella di un bambino, di sua madre? Quale è il dolore per duecento, forse duecentocinquanta morti in mare cercando la costa lontano dalla guerra? Assistiamo impotenti a questa orribile contabilità, il canale di Sicilia sta diventando lentamente un mare morto, storie e speranze che si spezzano senza che nessuno faccia nulla. La comunità internazionale balbetta. E l'Italia, questa Italia governata da Bossi e Berlusconi, si arrovella su un accordo con la Tunisia per fermare l'esodo e si divide sull'accoglienza. Risuonano ancora le parole di Bossi: fora da i ball. Oppure: svuotare la vasca, chiudere i rubinetti. E ieri, mentre arrivavano le notizie drammatiche di questo orribile naufragio: il blocco degli arrivi funzionerà, puttana Eva. Il declino dell'occidente sta anche dentro questa involuzione, sta nell'incapacità di aiutare, salvare, accogliere, difendere, sta nella paura e nel terrore su cui costruire una misera campagna elettorale. Dicono le associazioni di volontari: quel naufragio si poteva evitare. Aggiunge qualcun altro: come è possibile che sia accaduto in un mare così militarizzato? Nessuno lo saprà mai. Tanto domani è un altro giorno: ci attende il processo breve. La maggioranza è precettata: bisogna salvare Berlusconi. E quei poveri cristi che muoiano pure, ma per favore lontano da qui. Che pena.

2 commenti:

Artemisia1984 ha detto...

Hai ''ragionissima''...sempre che questa parola si in un italiano corretto...ma infondo quanti ITALIANI sono corretti oggi? Basterebbe sostituire la e in ''corretti'' e ti direi tanti tantissimi...

ANAM ha detto...

Buongiorno Artemisia...sono daccordo con te...Volevo farti complimenti per il tuo blog molto bello l'ho aggiunto ai miei preferiti...buon sabato!!!