13 ott 2010

La libbertà de pensiero (Trilussa)


Un Gatto bianco, ch'era presidente
der circolo del Libbero Pensiero,
sentì che un Gatto nero,
libbero pensatore come lui,
je faceva la critica
riguardo a la politica
ch'era contraria a li principî sui.
Giacché nun badi a li fattacci tui,
je disse er Gatto bianco inviperito -
rassegnerai le propie dimissione
e uscirai da le file der partito:
ché qui la pôi pensà libberamente
come te pare a te, ma a condizzione
che t'associ a l'idee der presidente
e a le proposte de la commissione!
È vero, ho torto, ho aggito malamente...-
rispose er Gatto nero.
E pe' restà nel Libbero Pensiero
da quela vorta nun pensò più gnente.

2 commenti:

Marianna ha detto...

scusa ma a me nun me pare trilussa questo me sbaglierò???? se si dimmelo
me sembra vernacolo romanesco e basta fammi sapere per cortesia ...ciao Marianna

ANAM ha detto...

Ciao Marianna,grazie mille ...Per curiosità visto i tuoi dubbi ho verificato su internet e tutti l'attribuiscono a Trilussa pseudonimo di Alberto Salustri...
Grazie ancora...buona serata