05 set 2010

La regina del Soul, Aretha Franklin.

Oggi vi parlerò di una forza della Natura,di una vera Leggenda del Soul…Vi racconterò della voce femminile più potente,che voi abbiate mai potuto udire.Vi parlerò di una donna che ha cambiato la storia della musica.La sua voce è considerata una Meraviglia della Natura.Ovviamente mi riferisco alla Regina del Soul,Aretha Franklin.

Ho sempre pensato che Aretha sia una delle artiste più straordinarie,capace di far vibrare l’anima di chi l’ascolta, nessuno può negare che ancora oggi dopo oltre quarant'anni di carriera,Aretha Franklin è un simbolo per tutta la musica.Un inteprete eccezionale,capace di rendere qualsiasi canzone un capolavoro di sonorità.Ha attinto a perecchi generi musicali,dal pop al jazz, dal blues al rock,dal gospel al country,riscontrando quasi sempre lo sgomento degli autori dei pezzi,per la magnificenza della sua intepretazione.Numerose artiste nel corso degli anni citano Aretha tra le loro fonti d’ispirazione.La sua energia,la sua voce e la sua passionalità sul palcoscenico sono ineguagliabili..

Nella carriera ha avuto diversi riconoscimenti il Rolling Stone,la inserisce al 9° posto tra i migliori 100 artisti di tutti i tempi,dietro solo a nomi del calibro di Beatles,Bob Dylna,Elvis Presley,Rolling Stones,Chuck Berry,Jimi Hendrix,James Brown e Little Richard.Ray Charles finì al 10° posto,lo stesso Rolling Stone la nominò miglior artista di sempre nella Rock-era davanti a Ray Charles,Elvis...Medaglie,Vetta delle classifiche,Grammy,Aretha Franklin è tutto questo,Popolarità e successo.Il riconoscimento artistico più grande però,è senza dubbio uno.È un riconoscimento eterno,uno di quelli che non si dimenticano e che sfidano il tempo.Ovviamente è il titolo di Regina del Soul.Eh si, perché una regina è adorata dal suo popolo,è la persona più importante per tutti e viene ricordata in tutti i libri di storia.Come si fa a dimenticare,anche fra 10-20 anni,la più potente,la più intensa,la più emozionante voce che voi abbiate mai ascoltato?
Inchinatevi dunque davanti a Sua Maestà, Lady Soul e porgetele i vostri omaggi.

LA STORIA:Aretha, cresciuta in una famiglia povera, era un portento già da bambina.Da autodidatta suonava perfettamente il pianoforte già da ragazzina,quando suonava nella chiesa battista del reverendo Franklin,suo padre,e a volte incantava i presenti alle cerimonie sfoggiando delle interpretazioni ricche di passione e sentimento.La madre di Aretha morì quando lei era piccola. Allora,suo fratello rimase con suo padre e lei e le sue sorelle andarono a vivere dalla loro nonna..Aretha era un prodigio,nonostante fu ragazza-madre già a 13 anni,non abbandonò la sua passione e a 14 anni incise il suo primo disco,che non ebbe successo..Come accade ancora oggi,non sempre gli artisti,giovani talenti,hanno il successo immediato che tutti sperano.La carriera di Aretha,infatti sembrava andare a rotoli e il suo “buio artistico” durò per tanto tempo.Tra il 1962 e 1967 incise ben 11 album,che non mancano assolutamente di qualità artistica,mancano però di quel tocco di classe,di quella magia che appartiene a Aretha..Gli scarsi successi,la frustrazione di non essere all’altezza segnarono Aretha che riportò quei sentimenti di malinconia e tristezza in alcuni dei suoi capolavori più noti.
Dotata di una caparbietà unica,Aretha non si perse d’animo fino a quando,un giorno,produttore,incantato dalla sua voce le propose di incidere un album con la sua casa discografica.Come per magia,Aretha era stata finalmente baciata dalla fortuna, e il risultato fu “I Never Loved A man (The Way I Love You)”,suo primo vero capolavoro e il singolo omonimo,raggiunse i primi posti nella classifica.. Altri pezzi estratti dall’album sono la famosissima Respect,scritta e cantata da Otis Redding,ma reinterpretata magistralmente da Aretha!!
Da quel momento pubblico altri album e fù un crescendo di successi e di popolarità fino a metà anni 70 quando attraversò un altro periodo di scarse vendite e successo limitato,per qualche album stroncato dalla critica...La rinascita per Aretha avvenne quando nel 1980 recitò insieme a John Belushi e Dan Aykroyd in Blues Brothers,e cantando Think nella famosa scena del ristorante,che ridiede luce alla stella di Aretha,che stavolta non perse più colpi con gli anni.Da allora Aretha ancor più di prima è stata presa come modello dai giovani artisti soul come Whitney Houston con li quali ha duettato più volte,oppure partecipando alla serata Night Divas nel 1998, ed eclissando letteralmente le giovani voci femminili del pop internazionale come Mariah Carey,e Celine Dion

Nessun commento: