18 ago 2010

LA CITTA' VECCHIA De Andre/Saba

Un'altra bellissima canzone di De Andrè...Il testo tratta una serie di "quadri" di vita di un quartiere genovese del centro storico,attraverso i quali,ancora una volta,De André rappresenta il mondo degli emarginati,a lui così cari ed invece così spesso dimenticati. Prostitute e pensionati sono descritti con evidente simpatia, perché raffigurano la schiettezza contro l'ipocrisia del vecchio professore dall'ambiguo comportamento.Le ultime due strofe delineano con maggiori particolari la zona del porto e i personaggi che lo abitano:ladri,assassini,approfittatori senza scrupoli.Ed è proprio qui che De André chiede di non giudicare con il metro della legalità e della mentalità borghese,bensì di provare per quei poveri esseri un forte senso di pietà,poiché essi non sono null'altro che vittime della società e della storia.
Ci sono due versioni,infatti gli ultimi due versi furono censurati questa è la versione censurata:

Presentando La città vecchia durante un'esibizione del '97, De André disse: "è una canzone del 1962,dove precisavo già il mio pensiero. Avevo 22 anni,adesso ne ho... E il mio pensiero non è cambiato, perché un artista, a qualsiasi arte si dedichi, ha poche idee, ma fisse.Io credo che gli uomini agiscano certe volte indipendentemente dalla loro volontà.Certi atteggiamenti,certi comportamenti sono imperscrutabili.La psicologia ha fatto molto,la psichiatria forse ancora di più,però dell'uomo non sappiamo ancora nulla.Certe volte,insomma,ci sono dei comportamenti anomali che non si riescono a spiegare e quindi io ho sempre pensato che ci sia ben poco merito nella virtù e poca colpa nell'errore,anche perché non ho mai capito bene che cosa sia la virtù e cosa sia l'errore".Tale conclusione sostiene e giustifica le commosse parole finali di questa canzone,che già nel titolo richiama una celebre poesia di Umberto Saba, intitolata appunto Città vecchia.(la versione integrale dellla presentazione nel video sotto)

Testo SABA:
Spesso,per ritornare alla mia casa
prendo un'oscura via di città vecchia.
Giallo in qualche pozzanghera si specchia
qualche fanale, e affollata è la strada.
Qui tra la gente che viene che va
dall'osteria alla casa o al lupanare,
dove son merci ed uomini il detrito
di un gran porto di mare,
io ritrovo, passando, l'infinito
nell'umiltà.
Qui prostituta e marinaio, il vecchio
che bestemmia, la femmina che bega,
il dragone che siede alla bottega
del friggitore,
la tumultuante giovane impazzita
d'amore,
sono tutte creature della vita
e del dolore:
s'agita in esse, come in me, il Signore.
Qui degli umili sento in compagnia
il mio pensiero farsi
più puro dove più turpe è la via.

Fabrizio de André:(versione non censurata)
Nei quartieri dove il sole del buon Dio non dà i suoi raggi
ha già troppi impegni per scaldar la gente d'altri paraggi,
una bimba canta la canzone antica della donnaccia
quello che ancor non sai tu lo imparerai solo qui tra le mie braccia.
E se alla sua età le difetterà la competenza
presto affinerà le capacità con l'esperienza
dove sono andati i tempi di una volta per Giunone
quando ci voleva per fare il mestiere anche un po' di vocazione.
una gamba qua, una gamba là, gonfi di vino
quattro pensionati mezzo avvelenati al tavolino
li troverai là, col tempo che fa, estate e inverno
a stratracannare a stramaledire le donne, il tempo ed il governo.
Loro cercan là, la felicità dentro a un bicchiere
per dimenticare d'esser stati presi per il sedere
ci sarà allegria anche in agonia col vino forte
porteran sul viso l'ombra di un sorriso tra le braccia della morte.
Vecchio professore cosa vai cercando in quel portone
forse quella che sola ti può dare una lezione
quella che di giorno chiami con disprezzo specie di *****.
Quella che di notte stabilisce il prezzo alla tua gioia.
Tu la cercherai, tu la invocherai più di una notte
ti alzerai disfatto rimandando tutto al ventisette
quando incasserai delapiderai mezza pensione
diecimila lire per sentirti dire "micio bello e bamboccione".
Se ti inoltrerai lungo le calate dei vecchi moli
In quell'aria spessa carica di sale, gonfia di odori
lì ci troverai i ladri gli assassini e il tipo strano
quello che ha venduto per tremila lire sua madre a un nano.
Se tu penserai, se giudicherai
da buon borghese
li condannerai a cinquemila anni più le spese
ma se capirai, se li cercherai fino in fondo
se non sono gigli son pur sempre figli
vittime di questo mondo.

L'analogia del testo di De André con questa celebre poesia di Saba è evidente non solo nel titolo,ma anche in singole immagini:la "bimba che canta la canzone antica / della donnaccia" richiama la "prostituta" i "quattro pensionati mezzo avvelenati /al tavolino" fondono le due immagini sabiante dell'"osteria" e del "vecchio / che bestemmia".
Tuttavia vi è anche una differenza ideologica sostanziale fra i due autori:mentre per Saba "il Signore" riscatta con la sua presenza i reietti della sua città, il "buon Dio" di De André "non dà i suoi raggi"ai poveri quartieri genovesi.Più forzato,inoltre,sembra l'atteggiamento di Saba,che vede il suo pensiero "farsi più puro dove più turpe è la via",di fronte a quello di De André,che si limita a definire meno enfaticamente "vittime" gli umili abbandonati non solo da Dio, ma anche dalla società.
Cmq ci troviamo a due testi apprezzabili sia dal lato estetico sia per quanto concerne il messaggio che trasmettono tuttavia il testo di Saba si presenza più essenziale denso e intrinsecamente musicale,basta a se stesso..quello di De andrè a bisogno della musica per essere completato..Si può giusto affermare che il testo di Faber il suo significato,(il suo contenuto) risulta meraviglioso e valido come sempre..Mentre nella poesia di Sabe si riscontra che sono riusciti sia il significato sia il significante(contenuto e forma)armonizzati tra loro con arte sincera e indubbio talento poetico...Non voglio dire che questo manca a De Andrè visto che lo considero il poeta della musica Italiana,e spesso complicato unire la poesia alla musica e in questo Faber è unico!!!
Bellissima pure la Cover di Capossela

2 commenti:

silvia.paperblog ha detto...

Buongiorno Emanuele,
Ti contatto tramite commento perché non ho trovato nessun altro modo per farlo.
Vorrei farti conoscere il servizio Paperblog, http://it.paperblog.com che ha la missione di individuare e valorizzare i migliori blog della rete. I tuoi articoli mi sembrano adatti a far parte di certe rubriche del nostro sito e mi piacerebbe che tu entrassi a far parte dei nostri autori.

Sperando di averti incuriosito, ti invito a contattarmi per ulteriori chiarimenti, domande o suggerimenti,

Silvia
Responsabile Comunicazione
Paperblog Italia
silvia@paperblog.com

ANAM ha detto...

Grazie Silvia,sinceramente uso questo spazio spazio a scopo personale... non ho interessi di allargare il mio giro di conoscienze di questo blog...Cmq ho accettato... interessante il vostro sito web...