02 lug 2010

matteo de magistris I DESIDERI DEI BAMBINI


Noi pensiamo sempre a regalare giocattoli,abiti,libri,automobiline e videogiochi,loro desiderano tutto ciò che non si può comprare:il nostro tempo,la serenità in famiglia,l'affetto delle persone che sono accanto,la possibilità di fare nuove scoperte o di provare nuove emozioni. A mettere in luce il divario tra i desideri dei bambini e le risposte degli adulti,è un'indagine dal titolo:"Regalo di compleanno",promossa dall'ossercatorio Dell'immaginario,nato nel '92 da un'idea della compagnia Stilema/unoteatro e realizzata attraverso le scuole,i laboratori teatrali a altri momenti aggregativi..
Quando il gioco è merce di scambio:
Dalla ricerca condotta,a livello nazionale,sono stati intervistati 1100 bambini trai i 3 a gli 11 anni,è emerso che spesso il giocattolo,dalle dimensioni sempre più gigantesche e status symbol della famiglia,è uno strumento utilizzato in modo incoscio dai genitoriper abbattere il proprio sensi di colpa per la non presenza,una sorta di compensazione.E' così che viene percepito dai figli,che vedono nel giocattolo il segno tangibile di una presenza tanto desiderata,infatti alla domanda"quando ti chiedono che regalo vuoi,tu pensi a qualcosa che ti è suggerito da...",su 321(131 femmine e 182 maschi)il 32,01% ha risposto la televisione,ma il 49,84%mamma e papà e il 48,91%gli amici. Alla domanda:il regalo preferito" è proprio quello della pubblicità" solo il 9.66% ha risposto affermativamente mentre è il dono dei genitori o degli amici,rispettivamente per il 68,85 % e per l'11,21%
Un regalo prezioso a costo zero:
A fronte di peluche ciondolanti dagli scaffali,sofisticate macchinine radiotelecomandate,videogames accantonati in ogni angolo,i bambini intervistati dichiarano di essere veramente felici quando corrono,stanno in compagnia dei nonni e dei cugini o passeggiano nel bosco "a cercare il lupo" in un fantastico gioco con i genitori."L'indagine rivela cose più ambite nella fascia d'età tra i quattro e i cinque anni sono palloncini,caramelle,cioccolatini,pacchetti di figurine,biciclette e tricicli,pattini matite colorate.Ma nella scatola dei sogni,i veri doni,quelli che riempiono le pagine dei diari segreti,dei temi di classe,dei racconti sussurrati alle orecchie degli amici del cuore sono:"quando vado a sciare" "quando ho dormito due o tre volte dalla mia nonna" quando siamo andati a teatro "quando ho visto l'albero di natale",quando dormo con il delfino di stoffa,.L'oggetto del desiderio,sottolinea l'osservatorio ,è sempre più magico,raro e soprattuto il costo è accessibile a tutti..
Momenti semplici e per questo magici:
Non costa quindi proprio nulla regalare ai nostri figli quello che desiderano di più:tempo da trascorrere insieme.Perchè-riflettiamoci-essere insieme a casa,nello stesso momento,non significa davvero stare insieme.La condivisione di emozioni con i nostri piccoli passa attraverso uno scambio di parole,di sentimenti e di esperienze.Passa attraverso la vicinanza emotiva.Allora,la sera proviamo a spegnere la televisione e sfogliamo un libro illustrato con i nostri figli,soffermiamoci su immagini e descrizioni.Leggiamo loro una favola,tenendoli in braccio con la luce un pò soffusa.Guardiamo la pioggia che cade dalla finestra,anche senza parlare.Nel fine settimana,passiamo del tempo con loro.Adesso che il clima è mite,scopriamo insieme ai nostri gigli,il rumore delle foglie mosse dal vento in un bosco,lo scroscio di un ruscello,sentiamo la consistenza della corteccia degli alberi.E chissà che non siamo questi momenti,semplici e preziosi,a costruire il regalo più ambito così raro e magico per i nostri bambini..
MATTEO DE MATTEIS




Nessun commento: