22 mag 2010

NERUDA


(La povertà)
Ahi, non vuoi,
ti spaventa
la povertà,
non vuoi
andare con scarpe rotte al mercato
e tornare col vecchio vestito.
Amore, non amiamo,
come vogliono i ricchi,
la miseria. Noi
la estirperemo come dente maligno
che finora ha morso il cuore dell'uomo.
Ma non voglio
che tu la tema.
Se per mia colpa arriva alla tua casa,
se la povertà scaccia
le tue scarpe dorate,
che non scacci il tuo sorriso che é il pane della mia vita
Se non puoi pagare l'affitto
esci al lavoro con passo orgoglioso,
e pensa,amore,
che ti sto guardando
e uniti siamo la maggior ricchezza
che mai s'è riunita sulla terra.
(Pablo Neruda)

1 commento:

ANAM il senza nome ha detto...

"La povertà" fu scritta intorno al 1952, proprio in Italia, in un periodo in cui fu costretto all'esilio, essendo egli un forte oppositore al dittatore Gonzalez Videla che in quel periodo governava il Cile. Neruda, che era profondamente innamorato di sua moglie, le dedica questi versi, pregandola di non crucciarsi della loro condizione economica, e di non temere la povertà, poiché, secondo lui, l'importante non è il bene materiale, ma la vera ricchezza, quindi, è quella dell'animo. Con questa poesia, Neruda incita a sentirsi sempre degni di se stessi, anche in ristrettezze economiche, cercando, però, nel contempo, di combattere la miseria estrema, che può ledere e distruggere la dignità umana. La magia di questa poesia, secondo me, sta nel fatto, che nell'affrontare un tema così delicato, ne è uscita anche una meravigliosa lettera d'amore per la sua amata...