02 gen 2012

Ode al gatto "Pablo neruda"


Gli animali furono imperfetti
lunghi di coda
plumbei di testa
piano piano si misero in ordine
divennero paesaggio
acquistarono nèi grazia volo
il gatto
soltanto il gatto
apparve completo
e orgoglioso
nacque completamente rifinito
cammina solo
e sa quello che vuole.
L'uomo
vuole essere pesce e uccello
il serpente vorrebbe avere ali
il cane è un leone spaesato
l'ingegnere vuol essere poeta
la mosca studia per rondine
il poeta
cerca di imitare la mosca
ma il gatto
vuol solo essere gatto
ed ogni gatto è gatto
dai baffi alla coda
dal fiuto al topo vivo
dalla notte
fino ai suoi occhi d'oro.
Non c'è unità come la sua
non hanno
la luna o il fiore
una tale coesione
è una sola cosa
come il sole o il topazio
e l'elastica linea de suo corpo
salda e sottile
è come la linea della prua
di una nave
i suoi occhi gialli
hanno lasciato una sola fessura
per gettarvi
le monete della notte.
Oh piccolo
imperatore senz'orbe
conquistatore senza patria
minima tigre di salotto
nuziale sultano del cielo

4 commenti:

Veronica de Gregorio ha detto...

Magnifica! In verità preferisco il cane, soprattutto perché fino a tre mesi ho convissuto con il mio Ulisse- un meraviglioso Golden Retriver- che mi ha riempito dieci anni di vita, ma debbo ammettere che il "Gatto" di Neruda esercita un enorme potere seduttivo e me lo fa eleggere tra le mie creature preferite, al pari del Cane .

ANAM ha detto...

Ciao Veronica,prima di tutto buon anno..anchio amo gli animali cani,gatti ecc fin da piccolo vivendo in campagna sono scresciuto in mezzo... e a proposito di cani qualche tempo fa avevo pubblicato l'Ode al Cane di Neruda..la voglio dedicare a te alla memoria di Ulisse... bacione http://eleboa.blogspot.com/2011/03/pablo-neruda-ode-al-cane.html

ANAM ha detto...

Anche questa: http://eleboa.blogspot.com/2010/05/lamore-universale.html

Veronica de Gregorio ha detto...

Grazie Emanuele, Buon anno anche a te, in quanto alla Poesia di Neruda la conosco e l'ho pubblicata sul mio blog qualche giorno dopo la dipartita di Ulisse. Sei molto gentile.