06 nov 2010

Decreto...Escort (Bunga bunga)

E’ il Governo che fa tutto!!!!! Ieri dal Consiglio dei Ministri è  uscita la tanto attesa modifica del decreto Pisanu sulle restrizioni d’accesso alle reti wi-fi (anche se bisogna vedere come verrà tradotto nella pratica “mantenendo tuttavia adeguati standard di sicurezza”)Ma non è tutto: il Governo del Fare  si è superato:giro di vite sulla prostituzione.Che  sembrerebbe quasi un capolavoro di autoronia. E invece no!!!
Vedere questo video mi sembra una scena sempre tanto sconvelgente quella del Berlusca parlando davanti all’afresco delle donne in biancheria antica e seducente.Come pretendiamo che il poverino non vada spinto verso le mignotte, le escort, le minorenni scelte da catalogo,le prostitute raccolte dal foglio ordinato e portate dagli amici prosseneti? In fine sono tante le tentazioni,l’invito permanente affrescato sui muri dal proprio Palazzo Chigi, le foto d’agenzia, le minigonne, le scollatture, la svergognata voluttà delle ragazze,e tantissimi pericoli, che non è meraviglia quella scucita frenesia che lo impazzisce. Così in un momento come questo, di tensione economica, di crisi terrifica universale, lui vuole soltanto legislare la lieta prosti-via dei festini. Come cogliere la frutta dall’albero piu’ sicuro e liberarsi dalle puttane pericolose, clettomane,indocumentate e da un parlare troppo chiaccherone. Lui invece, forse ispirato dagli affreschi palatini, no vuole piu’ pasturare quelle erbe tossiche. Lui vorrebbe però una collezzione di cortigiane come quella Aspasia di Mileto, ma purtroppo donne come quelle non si trovano a pagamento. E quelle che si trovano dal denaro non hanno la discrezione, la saggezza e l’incanto dello squisito. Povero uomo! Non sa che lui non merita un’altro che quella roba che si puo’ comprare, cioè, alla sua altezza estetica ed etica.
A tal proposito c’è un bel post di Marco Braccioni su Repubblica(“Escort e mignotte“):
Un buon governo, nel terzo millennio, non si muove ideologicamente. Non va per titoli, e non butta l’acqua sporca con il bambino. Sa distinguere. Sa che ci sono negri e persone di colore, per esempio, e che i primi vanno stipati nei Cpa mentre i secondi vanno tirati fuori in qualche modo dalle questure. Non solo. Questo moderno governo, che non fa di tutta l’erba un fascio, sa che ci sono omosessuali e froci, e allora questi li sfotte nei motoshow e quegli altri li piazza alla direzione di Chi. Se si vuole un’altra prova di questo talento nel cogliere le sottili differenze della contemporaneità basta ascoltare le parole pronunciate oggi da Berlusconi e Maroni (video). L’annunciato giro di vite sulla prostituzione è la dimostrazione che ci sono prostitute e prostitute. Quelle che battono per strada, che vanno cacciate col foglio di via, e quelle in tubino nero che invece si invitano a cena per fare il coretto sulle canzoni di Apicella.Quelle si chiamano mignotte, queste escort.Non è certo colpa di Berlusconi se la lingua italiana, dai tempi di Dante, è tanto ricca da avere almeno due nomi per dire la stessa identica cosa.

Nessun commento: